La moderna miseria umana nel testo di Mai più da soli di Renato Zero, primo singolo dal nuovo album (video)

Mai più da soli è il nuovo singolo di Renato Zero in attesa del nuovo album annunciato per il mese di ottobre.

3574
CONDIVISIONI

Ci sono i social e la pigrizia dell’essere umano nel testo di Mai più da soli di Renato Zero, che torna con un pezzo ritmato e piuttosto radiofonico. Il tema è quello della realtà effimera creata dai social, dai quali sembriamo dipendere ogni giorno in maniera più preoccupante.

Rimane ancora vivida e potente la sua voglia di sperimentare, nonostante gli oltre 50 anni di carriera e la possibilità di appoggiarsi unicamente allo sterminato repertorio già in essere. Dopo la parentesi Zerovskij, l’artista romano torna quindi al pop con il brano che anticipa Zero Il Folle e il video ufficiale girato a Londra nelle scorse settimane.

Com’è noto, la produzione dell’album è affidata a Trevor Horn, con il quale sta lavorando in quel di Londra per portare a termine la sua prossima fatica discografica attesa per il mese di ottobre, mentre sulla scrittura è intervenuto Phil Palmer, con il quale collabora da anni.

Già deciso il tour di supporto all’album che porterà nei maggiori palasport italiani a cominciare dal mese di novembre e con le date di Roma. I concerti continueranno in tutta Italia fino alla fine del mese di gennaio con le date di Bari. I biglietti sono in prevendita su Vivaticket e in tutti i canali di vendita abilitati.

Il singolo arriva a sorpresa a qualche mese dal rilascio dell’album e sarà presentato nel corso della semifinale di Amici di Maria De Filippi nella quale tornerà dopo l’annuncio del tour e dell’album che ha riservato alla trasmissione di Canale5.

Qui di seguito, il testo e il video ufficiale di Mai più da soli di Renato Zero.

Avresti un po’ di tempo,
solo un momento da concedermi?
Non ho carezze e baci,
non ho promesse anch’io da venderti.
Incomprensibili gli uomini, più pigri di così!
Soltanto codici e numeri, non è più vita qui.
Globalizzati infine,
di questo appiattimento vittime.
Ottimi integratori
per apparire sempre atletici.
Quest’esistenza si complica tra vuoti e nostalgie,
ché se si arrabbia anche l’anima ha le ragioni sue.

Mai più da soli, soli, soli.
Ancora voli, sorrisi per noi.
Il mondo si è fatto piccolo.
Troppa tecnologia.
Le solitudini uccidono.
Quanta violenza e follia!

Caduti nella rete,
ci concediamo senza chiedere.
Godiamo immaginando
che quel contatto possa rendere.
Dammi un profilo credibile! Che dietro ci sia tu!
E non un altro mitomane, un altro folle in più.

Mai più da soli, soli, soli.
Mai più misteri, eccessi, fobie.
Un selfie per poi convincerti
che sei visibile,
che puoi vantare i tuoi follower,
che sei l’eternità.
Soli, soli, soli.
No!
Soli, soli, soli.
Soli, mai più da soli!

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.