Stanno per arrivare gli ASUS Zenfone 6: decisiva la certificazione FCC

Ad un passo dalla famiglia degli ASUS Zenfone 6: arriva anche la certificazione FCC

19
CONDIVISIONI

La famiglia degli ASUS Zenfone 6 è attesa per la presentazione il prossimo 16 maggio, come confermato anche dalla recente certificazione FCC (Federal Communications Commission) ricevuta da uno degli esponenti della linea. Anche quest’anno dovremmo ritrovarci in presenza di due o più esemplari, di cui un modello caratterizzato dalla sigla ‘ASUS_I01WD‘, passato anche attraverso i benchmark AnTuTu e GeekBench.

Le specifiche tecniche fin qui trapelate suggeriscono che il device sarà alimentato dal processore Snapdragon 855, disporrà di 6GB di RAM e 128GB di memoria interna (non dovrebbe mancare una variante con 8GB di RAM e 256GB di storage), con supporto ad un sistema di ricarica che non si spingerà oltre i 18W (un passo indietro rispetto agli altri produttore, alcuni giunti ad una ricarica dai 22.5W, ed anche più).

Potrebbero esserci delle evoluzioni per quanto riguarda il design, con l’assottigliamento decisivo delle cornici e la contestuale adozione di eventuali fori per l’alloggio della fotocamera frontale (dubitiamo ci sia spazio per un sistema a doppio scorrimento, di cui è emerso recentemente un concept). Dal punto di vista fotografico, l’ASUS Zenfone 6 dovrebbe presentare tre sensori sul retro (il principale da 48MP), mentre la gestione software sarà di certo affidata ad Android 9.0 Pie.

In ultimo vi abbiamo parlato della concreta possibilità gli ASUS Zenfone 6 siano contraddistinti da prezzi altamente competitivi, come successo lo scorso anno con gli Zenfone 5Z, top di gamma proposti a costi di molto inferiori rispetto ai diretti antagonisti. Vedremo se il produttore taiwanese deciderà di fare altrettanto nel 2019 con la linea degli ASUS Zenfone 6 (se così fosse, potrebbe essere questa la carta vincente su cui puntare per sgominare i rivali, tutti molti agguerriti, ma anche caratterizzati da prezzi ben oltre la media degli anni passati). Darete fiducia ai top di gamma taiwanesi? Fatecelo sapere.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.