Sempre più complesso il discorso copertura per Iliad: problemi anche a Treviso a febbraio

Analisi su quanto sta avvenendo non solo nella cittadina veneta, ma anche in molte altre realtà

22
CONDIVISIONI

Una vera e propria battaglia quella che Iliad in primis, ma anche altri gestori, si apprestano a vivere a Treviso. Dopo il nostro ultimo punto della situazione risalente a fine gennaio sulla questione dell’installazione di nuove antenne (lo potete approfondire qui), oggi 14 febbraio tocca analizzare le nuove problematiche che i principali operatori si apprestano ad affrontare nella cittadina veneta. Realtà in cui i brand in questione stanno incontrando delle resistente a proposito di quelli che sono stati ribattezzati “pennoni”.

Come riportano i ragazzi di Universo Free, infatti, risultano bocciate in questi giorni moltissime richieste, in primis di Iliad, per le installazioni di nuove antenne nei pressi del centro. Come se non bastasse, le istituzioni locali pare abbiano l’intenzione di sostituire anche gli impianti esistenti con altri meno invasivi. Morale della favola? In quel di Treviso di punta a concedere un numero più elevato di antenne, ma allo stesso tempo meno potenti e con basse emissioni elettromagnetiche. Un giro di vite che in qualche modo potrebbe sconvolgere ancora una volta i piani di Iliad.

Se il discorso odierno ovviamente non riguarda solo l’operatore francese, allo stesso tempo è inevitabile evidenziare che una questione del genere possa penalizzare soprattutto chi sta cercando di farsi strada in un mercato già di suo complicato. Insomma, un altro piccolo ostacolo nel percorso lento e tortuoso che consentirà a Iliad di ottenere la tanto agognata indipendenza dal punto di vista delle antenne e delle Reti.

Staremo a vedere quando sarà raggiunto un accordo tra le parti in causa e come evolverà il percorso di Iliad, la cui necessità è quella di svincolarsi prima possibile da Wind Tre sul fronte copertura. Riusciremo ad andare incontro ad una svolta in quel di Treviso? Restate connessi sulle nostre pagine per scoprirlo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.