Il Codacons e l’esposto all’Antitrust per il televoto di Sanremo: “Il pubblico annullato e umiliato, reso inutile dalle altre giurie”

Il voto (dispendioso) del pubblico non è servito a niente.

6
CONDIVISIONI

Il Codacons presenta un esposto all’Antitrust per il televoto del Festival di Sanremo 2019. Il risultato del televoto è stato completamente ribaltato da quello delle altre giurie e l’associazione dei consumatori presenterà domani un esposto formale all’Autorità per la concorrenza. L’oggetto della denunciando è il meccanismo di voto dell’ultima serata del Festival di Sanremo, che si è tenuta ieri sera, sabato 9 febbraio.

Al termine della serata è stato scoperto che il giudizio del televoto è stato completamente ribaltato da quello delle altre due giurie coinvolte la stessa sera: la giuria d’onore e la giuria della sala stampa. Sull’utilità della giuria d’onore/giuria di esperti si discute praticamente da sempre. Una serie di personaggi, con scarse competenze musicali – se non in rari ed eccezionali casi – può incidere per il 20% sul risultato finale?

Il 20% della giuria d’onore e il 30% della giuria della sala stampa hanno ribaltato il risultato finale ed annullato le preferenze del pubblico che da casa aveva telefonato pagando gli sms e le chiamate valide per circa 51 centesimi a voto.

«Nella finalissima di ieri il cantante Ultimo – sostiene il Codacons – è risultato essere il più votato dal televoto, ottenendo il 46,5% dei voti del pubblico, addirittura 30 voti percentuali in più rispetto al vincitore Mahmood, che ha ottenuto solo il 14,1% delle preferenze. Nonostante tali numeri schiaccianti, il voto della sala stampa e della giuria d’onore ha ribaltato la classifica del televoto, assegnando la vittoria a Mahmood. Ma così facendo – denuncia il Codacons – il voto del pubblico da casa è stato di fatto annullato e umiliato, con conseguenze enormi sul fronte economico, considerato che i telespettatori hanno speso soldi attraverso il televoto, un televoto reso inutile dalle decisioni delle altre giurie».

Il meccanismo di votazione «sembra aver arrecato un danno a quegli utenti che da casa hanno espresso la propria preferenza (a pagamento) e potrebbe addirittura realizzare la fattispecie di pratica commerciale scorretta. In tal senso il Codacons depositerà domani formale esposto ad Antitrust affinché apra una indagine sulla classifica di Sanremo 2019».

In realtà però tutto questo faceva parte del regolamento. Il televoto del pubblico pesava per 50%, per il 30% il voto della sala stampa e per il 20% quello della giuria d’onore.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.