Il film di Downton Abbey si farà? La conferma di Julian Fellowes sull’adattamento cinematografico

Dopo tanti rumors parla il creatore della serie: arriva il film di Downton Abbey?

6
CONDIVISIONI

Buone notizie per il pubblico di Downton Abbey, o almeno per coloro i quali hanno seguito la serie tv e sperano di poter avere un ulteriore capitolo finale della saga sul grande schermo.

Dopo i tanti rumors circolati negli ultimi mesi in seguito alla conclusione della sesta ed ultima stagione lo scorso inverno, il creatore Julian Fellowes ha sostanzialmente confermato il nuovo progetto in cantiere.

Lo showrunner ha rivelato di aver scritto alcune delle pagine della sceneggiatura del film, ma di essere ancora in attesa del via libera per il progetto di un adattamento cinematografico.

Continuo a ricevere domande sul film di Downton. Ho cominciato a lavorare alla sceneggiatura perché non voglio arrivare ad avere il via libera per il film senza che ci sia un copione pronto” ha spiegato in una webchat l’autore e ideatore della saga dei Crawley.

In sostanza Fellow si sta portando avanti col lavoro, anche se non esiste ancora un progetto definitivo sulla produzione del film: “Stiamo ancora aspettando che si accenda la luce verde dallo studio. Poi la più grande difficoltà sarà conciliare tutto il cast siccome, rispetto alla maggior parte delle serie, ha un cast molto grande. Ed è necessario che loro si sentano nello stile di Downton. So che il cast ci segue e che c’è un grande pubblico là fuori” ha aggiunto Fellowes.

Nonostante non ci sia ancora un piano produttivo, per l’ideatore di Downton Abbey “è piuttosto probabile che il film si farà“.

Già nel marzo dello scorso anno, Fellowes aveva ammesso di essere molto favorevole all’idea di adattare il soggetto della serie per il grande schermo, spiegando però di voler realizzare un progetto di qualità con un’ottima sceneggiatura e almeno gran parte del cast originale. Non resta che attendere che la “luce verde” dia il via alle riprese.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.