Hey Violet in Italia per una data a Milano: info biglietti in prevendita

Gli Hey Violet in Italia per una data ai Magazzini Generali di Milano: al via la prevendita dei biglietti.

Gli Hey Violet tornano in Italia per una sola data ai Magazzini Generali di Milano. Il concerto è in programma per il 4 maggio prossimo, ma i biglietti potranno essere acquistati già da venerdì 17 marzo su TicketOne e in tutti i canali di vendita abilitati. Come di consueto, sarà possibile acquistare i biglietti su TicketOne, nei negozi fisici abilitati e tramite call center, e sul sito ufficiale.

La band americana, in Italia il 4 maggio ai Magazzini Generali, si è formata sotto un altro nome nel 2009. La formazione originale poteva contare su Julia Pierce, Nia Lovelis, Miranda Miller e Rena Lovelis. Il nome scelto per il gruppo fu Cherri Bomb. L’album di debutto del gruppo uscì nel 2012, con il titolo di This Is The End Of Control, ma la Pierce decise di lasciare il gruppo per dedicarsi alla carriera da solista.

Nel 2015, il gruppo pop-rock rinasce con il nome di Hey Violet e riparte dal singolo This Is Why, unendosi alla casa discografica Hi or Hey Records guidata dal gruppo australiano 5 Seconds of Summer, di cui hanno aperto parte delle date del tour. Il 30 novembre dello stesso anno aprono il loro primo capitolo live con il tour internazionale che ha toccato anche l’Italia.

Solo un anno dopo, gli Hey Violet hanno continuato il loro percorso musicale con la pubblicazione di un EP dal quale è stato estratto un singolo, Brand New Moves, cui è seguita la vittoria ai Teen Choice Awards nella categoria Next Big Thing. Il 18 settembre 2016, Iain Shipp entra ufficialmente a far parte del gruppo, prendendo il posto di Rena Lovelis al basso. La formazione attuale rimane orfana della sua fondatrice, Julia Pierce, ma conta su ben 4 dei componenti iniziali. Gli Hey Violet suoneranno in Italia il 4 maggio con Miranda Miller, Lia Lovelis, Rena Lovelis, Casey Moreta e Iain Shipp.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.