Altri problemi da Windows 10 – May 2020 Update versione 2004

Ci sono problemi con Windows 10 - May 2020 Update versione 2004 per chi usa Parity Storage Space

13
CONDIVISIONI

Non mancano i problemi dopo il più recente aggiornamento di Windows 10 – May 2020 Update versione 2004 (nome in codice 20H1), che impatta le configurazioni che si avvalgono del servizio Parity Storage Space, fondamentale nel momento in cui si vuole dare luogo ad un sistema storage composto da tre o più unità disco in modalità RAID 5.

Come riportato sul forum di supporto della casa di Redmond (che potete consultare a questo indirizzo), il disturbo, di cui ancora non c’è una soluzione ufficiale, colpisce sia Windows 10 2004 che Windows Server 2004, senza però andare a coinvolgere i servizi Simple Storage Space e Mirror Storage Space. Nel concreto, sono questi i problemi in cui potrebbero imbattersi gli utenti che impiegano Parity Storage Space: la corruzione di taluni file, oppure peggio la presunta cancellazione delle partizioni (per fortuna soltanto apparente), rese visibili come RAW (da inizializzare) all’interno del Disk Manager. Microsoft ha consigliato di evitare il lancio del comando ‘chkdsk’, come anche il ripristino. Sarà possibile andare oltre il problema del più recente aggiornamento di Windows 10 – May 2020 Update versione 2004, almeno in via temporanea, rendendo le partizioni in termini di ‘sola lettura’, e quindi disattivando la scrittura.

In quest’altra sezione del forum di supporto trovate le istruzioni dettagliate per disabilitare la scrittura sulle partizioni, come anche altri procedimento automatici (inclusi quelli pensati per recuperare eventuali file corrotti). Purtroppo, il più recente aggiornamento di Windows 10 – May 2020 Update versione 2004 ha così impattato le configurazioni che impiegano il servizio Parity Storage Space: c’è da prenderne atto e provare ad andare oltre con i consigli dispensati da Microsoft, restando naturalmente in attesa di una soluzione ufficiale attraverso un aggiornamento successivo. Se avete qualche dubbio di cui voler parlare con noi lasciate un commento all’articolo attraverso il box qui sotto: vi risponderemo il prima possibile.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.