Zoom, mancanza per account gratuiti: niente crittografia end-to-end

Non sarà offerta la crittografia end-to-end agli account gratuiti di Zoom per evitare usi impropri della piattaforma

1
CONDIVISIONI

La crittografia end-to-end (sistema di comunicazione cifrato i cui messaggi possono essere letti solo dai partecipanti alla conversazione, senza alcun intermediario) non verrà messa a disposizione su Zoom per gli utenti che dispongono di un account privato gratuito: questo è quanto dichiarato da Eric Yuan, amministratore delegato della piattaforma, a margine della conferenza con gli investitori tenutasi pochi giorni fa. Come riportato da XDA Developers, sarebbe intenzione della società sventare la possibilità che Zoom possa essere utilizzato liberamente per organizzare attività criminali, o comunque illegali.

Yuan ha anche affermato pubblicamente le intenzioni della società di voler collaborare, al bisogno, con le forze dell’ordine per abbattere il rischio di incappare in simili situazioni. Alex Stamos, uno dei consulenti per la sicurezza di Zoom, ha ribadito un concetto che ormai dovrebbe essere chiaro (del resto è cosa nota a tutti, senza neanche il bisogno di doverlo precisare ancora una volta): la maggior parte dei malintenzionati che impiegano la piattaforma per fini fuori legge si avvale di account gratuiti, naturalmente associati ad indirizzi di posta elettronica fittizi. Estendere la crittografia end-to-end agli account gratuiti garantirebbe loro il via libera, nel più totale anonimato.

Non bisogna comunque lasciarsi prendere dal panico in quanto è stato altrettanto precisato che i dipendenti di Zoom non prenderanno visione, né registreranno in modo proattivo conversazioni o videochiamate (né adesso, né tanto meno in futuro). Quel che preme è garantire la salvaguardia della privacy degli account gratuiti, anche al netto dell’assenza della crittografia end-to-end, ed al contempo evitare eventuali utilizzi impropri di Zoom da parte dei malintenzionati, che purtroppo non mancano mai (in qualche modo bisogna pur dividersi per giocare d’anticipo rispetto ai criminali). La cosa vi preoccupa o vi lascia tutto sommato indifferenti? Fatecelo sapere commentando l’articolo attraverso il box qui sotto, magari spiegandoci anche i motivi della vostra riflessione.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.