Come potrebbe cambiare il Samsung Galaxy Fold 2, perfino impermabile

1
CONDIVISIONI

Torniamo a parlare del Samsung Galaxy Fold 2, che sappiamo essere tra i tre dispositivi pieghevoli che il produttore asiatico lancerà al momento opportuno (insieme al Galaxy Fold Lite, il modello economico, e ad un eventuale Galaxy Note Fold, con schermo decisamente più grande). Come riportato da ‘nl.letsgodigital.org‘, un brevetto depositato dal colosso di Seul lo scorso novembre riferisce di un dispositivo che molto sembra avere in comune col prossimo Samsung Galaxy Fold 2, anche se impermeabile, con teleobiettivo fotografico dotato di zoom periscopico ed un display secondario molto stretto e di forma allungata (c’era, al contrario, chi aveva ipotizzato per questo telefono uno schermo secondario più grande di quello di cui era stato provvisto il primo Galaxy Fold).

Sarebbe un bel colpo per l’OEM riuscire a dotare il Samsung Galaxy Fold 2 di una certificazione a prova di acqua e di polvere, visto che proprio quest’ultima è stata alla base dei ritardi che hanno afflitto la prima generazione (cosa che però farebbe lievitare il prezzo finale dello smartphone, di per sé già bello costoso per la sua natura di dispositivo pieghevole). Più plausibile ci appare la possibilità che il Samsung Galaxy Fold 2 venga munito di una lente con zoom ibrido 10x, proprio com’è stato per i Samsung Galaxy S20 Ultra 5G e come sarà probabilmente per il Galaxy Note 20 Plus.

Naturalmente la storia è ancora tutta da scrivere, e non è il caso di esultare per le caratteristiche sopra dette circa il possibile Samsung Galaxy Fold 2 (sempre che sia questo il nome commerciale del secondo smartphone pieghevole del colosso di Seul), né tanto meno di deprimersi circa la possibilità che, data l’impermeabilità, il telefono possa costare anche più del primo Galaxy Fold (sarebbe veramente troppo a nostro avviso). Voi che idea vi siete fatti?

Segui gli aggiornamenti della sezione Samsung Galaxy S9 sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.