A Striscia La Notizia ieri sera e stasera l’intervista di Red Ronnie a Claudio Trotta sul tema dei Live drogati

Stasera nel servizio di Max Laudadio la seconda parte dell'intervista andata in onda al Barone Rosso e su OM

385
CONDIVISIONI

Max Laudadio a Striscia La Notizia ripropone l’intervista di Red Ronnie a Claudio Trotta, realizzata durante il Barone Rosso e trasmessa in diretta su OM-OptiMagazine a fine aprile.

Nella chiacchierata di Red Ronnie con il noto organizzatore di concerti, a capo dell’agenzia Barley Arts, si parla ancora una volta della situazione del live in Italia.

Striscia La Notizia ricorda alcuni dei servizi precedentemente in onda e parla di abuso di posizione dominante da parte di F&P Group di Salzano con tanto di esposto ad AGCM da parte di Valeria Arzenton di Zed Live.

A tal proposito, il TG satirico ideato da Antonio Ricci, aveva provato a coinvolgere anche alcuni artisti della scuderia F&P Group che si erano detti completamente estranei ai fatti, da Alessandra Amoroso a Francesco Ringa e Fiorella Mannoia.

In piena quarantena da Coronavirus, Red Ronnie incontra virtualmente Claudio Trotta per discutere la crisi del live e i fattori che hanno contribuito a drogare il settore degli spettacolo dal vivo.

Nell’intervista, disponibile in versione integrale su OM, Claudio Trotta racconta un’escalation verificatasi negli ultimi due anni sul fronte della speculazione, alle spalle delle persone e delle passioni, soprattutto nel settore musicale. Tale speculazione – lo sottolinea – non ha precedenti nella storia dell’umanità. “C’è stata una concentrazione di potere, ci sono stati abusi di posizione dominante”, ricorda atteggiamenti intimidatori e violenti denunciati da Valeria Arzenton di Zed e “di fronte a tutte queste cose gli stessi cantanti si sono messi con la testa sotto sabbia e hanno aderito a far continuare a far crescere i prezzi dei biglietti”.

Trotta espone le sue preoccupazioni in merito all’intero settore che definisce “drogato” a suon di centinaia di biglietti omaggio distribuiti per annunciare sold out inesistenti.

“Ora non ce n’è più di giochini, il Re è nudo, siamo col culo per terra, va ridimensionato tutto, usando produzioni locali e ridimensionando tutti i costi. Bisogna ripartire con intelligenza, è una specie di fine di un secondo medioevo e una possibilità di nuovo rinascimento, una sorta di avviso della natura che ci ha detto: ‘Avete rotto i cogli*ni'”.

La chiacchierata di Red Ronnie con Claudio Trotta continua. Questa sera Striscia La Notizia manderà in onda la seconda parte del servizio. L’intervista completa, intanto, è disponibile su OM-OptiMagazine qui.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.