Ellen Pompeo nella bufera per vecchie frasi sulle vittime di molestie sessuali (video): “Il tango si balla in due”

Ellen Pompeo presa d'assalto sui social per un vecchio video in cui parla delle vittime di violenza e del loro ruolo nel dire no

103
CONDIVISIONI

Sembrava un tranquillo mercoledì sera da passare davanti alla tv fino a quando Ellen Pompeo non è finita in tendenza su Twitter in tutto il mondo e non per un ennesimo colpo di scena in Grey’s Anatomy ma perché questa volta ha detto qualcosa che ha fatto infuriare i fan e non solo. Dimenticate per un attimo Meredith Grey, la dottoressa che è arrivata a rifiutare il suo Harper Avery proprio in nome delle vittime di violenza perpetrate dal luminare, perché l’attrice che le presta il volto sembra davvero molto lontana da quei pensieri, almeno in parte.

In un video che la vede protagonista di un’intervista ospite della Oxford University già pubblicata ai tempi della nascita del MeToo e al movimento che ha visto migliaia di vittime denunciare i propri aguzzini in ogni ambito lavorativo, Ellen Pompeo lascia intendere che nel momento in cui un’attrice, o aspirante tale, segue in camera un produttore ha già dato il suo teorico consenso a quello che potrebbe succedere in seguito sintetizzandolo in un “bisogna essere in due per ballare il Tango” che ha fatto il giro del mondo indignando gli utenti social e alcuni dei suoi fan che adesso le danno contro sperando di vederla spazzata via anche dal medical drama ABC.

In particolare rivela:

“Non è per incolpare le vittime ma per dire che io sono stata in una stanza con Harvey Weinstein. Mi sono seduta con lui ad un tavolo e abbiamo parlato tanto, almeno un paio di ore e mezza, ma non mi ha mai detto nulla di inappropriato né fatto avances fisiche di nessun tipo”.

Ecco il video dell’intervista:

All’epoca Ellen Pompeo stava parlando proprio ad una platea di giovani ragazze della sua esperienza con Harvey Weinstein spiegando che una donna ha sempre la possibilità di dire di no e se non lo fa e subisce violenza, la colpa è anche un po’ sua:

Sta tutto in quello che vogliamo tollerare, nella nostra autostima e ai patti a cui vogliamo scendere e a quello che siamo disposte a fare per piacere, per essere amate e accettate, quando vogliamo fare per entrare nello showbiz”.

Le sue dichiarazioni, venute a galla misteriosamente proprio questa sera, hanno indignato migliaia di fan che hanno preso di mira l’attrice sui social non solo riportando le sue parole ma anche alcuni vecchi tweet che dimostrerebbero la sua indole razzista e sicuramente opposta a quella del suo alter ego seriale.

Infine, Ellen Pompeo corregge un po’ il tiro sottolineando il fatto che non ha intenzione di colpevolizzare le vittime ma l’effetto è sicuramente quello contrario ed è su questo che si è aperto il dibattito su Twitter. L’argomento è davvero spinoso e complicato ed è davvero facile cadere in errore soprattutto quando non si parte da presupposti chiari come quello che riguarda la vittima che, nonostante tutto, rimane tale. C’è comunque da dire che in molti la difendono parlando di parole travisate e di un “pensiero proprio” che è libera di avere. Arriveranno adesso le parole dell’attrice o rischia davvero di dover lasciare Grey’s Anatomy?

Commenti (2):
Nikki

La mia opinione è che se una persona famosa dice qualcosa che al web non va bene tutti gli vanno contro ma se lo dice una persona normale su internet e diverse persone lo vengono a sapere nessuno gli va poi così tanto contro, anche perché le persone famose sono persone come tutti noi

Nikki

Io penso che ognuno possa avere la propria opinione l’unica differenza è che se la dicono degli attori una cosa che alle persone non va bene il web gli va contro, se lo dice una persona normale non succede niente

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.