#iorestoacasa Monina con Noemi e Mileven il 25 marzo dalla crisi delle uova a quella delle classifiche

Torna l'appuntamento quotidiano con #iorestoacasa Monina che il 25 marzo ospita Noemi

1
CONDIVISIONI

Continua l’appuntamento quotidiano con #iorestoacasa Monina. Il nuovo contenitore d’intrattenimento di OM – Optimagazine ospita quest’oggi Noemi, che racconta queste prime settimane di isolamento, necessario per il contenimento dal contagio da Coronavirus.

La quarantena di Noemi si svolge tra musica e qualche riflessione. Veronica Scopelliti ci rivela, poi, di essere ricchissima e non saperlo. Appena prima dell’annuncio della chiusura totale imposta dal Premier Giuseppe Conte con il DPCM dell’8 marzo, Noemi aveva infatti acquistato la bellezza di 30 uova, che oggi valgono come l’oro.

Arriva anche il commento fatalista, associato a uno dei brani di J-Ax quando ancora era Articolo 31, e si tratta di 2030. Il singolo è stato citato più volte in questi giorni, soprattutto tra coloro che stanno cercando di trovare un senso (ah no, quello era Vasco Rossi) all’epidemia che sta mettendo in ginocchio l’Italia.

“Vi ricordate 2030? Il singolo di J-Ax nel quale si parlava di un raffreddore che sarebbe stato peggio dell’HIV? Ecco, forse si sbagliava, magari parlava del 2020″.

Le fa eco Michele Monina:

Ecco, diciamo che lo Zio forse ha portato sfiga.

Nonostante il tesoretto di 30 uova, Noemi sta continuando a svolgere il suo lavoro da casa, tra un’incursione e l’altra al pianoforte, nel quale sta cercando di comporre qualcosa per i progetti futuri.

“Sto continuando a cantare, anche se i primi giorni mi sono fermata in attesa di nuove informazioni da parte del Governo. Trascorrevo tutto il giorno ad ascoltare i Tg nazionali. Sono comunque inquieta, perché sono tanti i concerti che sono stati rinviati. Siamo portati a raggruppare la gente, quindi questa è una cosa che spaventa. Mi aspetto un’impennata dei concerti virtuali, di quelli che utilizzano la realtà aumentata”.

La riflessione di Michele Monina arriva puntuale:

“In questi giorni avrebbe dovuto tenersi il concerto con ologramma di Whitney Houston, quindi è qualcosa che esiste già. Sta diventando una grossa fetta di mercato, quindi stanno pensando di fare arrivare i concerti a casa. Manca un aspetto importante: il concerto è fatto dal pubblico che interagisce. Dobbiamo interrogarci sul quando avremmo voglia di stare in mezzo agli altri. Saremmo pronti a tornare tutti insieme, in un locale, tra un mese? In questo momento, la situazione è pesante”.

Un pianoforte in quarantena e passa la paura

“Riflettere mi fa paura, se mi fermo a pensare mi sale l’ansia. Questa situazione mi sta insegnando un sacco di cose, mi sono rimessa sul piano a scrivere. Sto collaborando con alcuni amici per nuovi progetti. Arriverò a chiamare il mio piano Mr Wilson! Ho iniziato a suonare molto presto, a 6 anni. Il pianoforte ha sempre il suo fascino”.

Noemi prosegue con Vuoto A Perdere al pianoforte, quindi Sono Solo Parole.

“Sono tutti molto preoccupati perché quest’estate non si sa se ci saranno dei concerti, né quando potremmo tornare a continuare a fare il nostro mestiere”.

Una riflessione di Michele Monina sulle classifiche

“Non c’è modo di comprare i supporti fisici, quindi le classifiche non esistono. Si sta dando priorità ai prodotti di prima necessità, per cui in questo momento esiste solo lo streaming. Lo streaming non sta funzionando, poiché le persone difficilmente usano Spotify da casa ma YouTube. Siamo distratti da altro. Le radio stanno avendo una flessione, perché è calato l’ascolto in auto ma anche nei ristoranti, nei bar, nei supermercati, dai quali hanno tolto la musica. Si avverte una situazione oppressiva e il motivo è l’assenza di musica. La SIAE è ora in sofferenza. Le classifiche fanno ridere, con artisti che imperversano nelle prime posizioni poiché sono usciti settimane prima”.

A #iorestoacasa Monina arriva Mileven

Mileven continua a lavorare in smart working, in collegamento costante con FaceTime. Si sposta tutti i giorni, per fare 10 metri fino al balcone, movimento che però non compensa l’impossibilità di poter uscire di casa. L’auspicio è quello di uscire presto con un brano.

Si festeggia anche il compleanno di Mina, che quest’oggi spegne le sue prime 80 candeline, con Mileven che prova ad accennare Brava ma senza testo dichiara infine di non farcela.

Dove seguire #iorestoacasa Monina

#iorestoacasa Monina va in onda tutti i giorni, dalle 16 alle 17, sulla Home Page di OM – Optimagazine, sulla pagina Facebook di OM, sul canale YouTube di OM e su OMTV.it.

Qui la diretta del 25 marzo, con Noemi e Mileven.

Per conoscere tutti gli artisti di #iorestoacasa Monina e vedere tutte le puntate clicca qui.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.