La scommessa Wolfsburg, dai produttori de Il Cacciatore la serie italo-tedesca sui lupi mannari

Si chiama Wolfsburg ed è la nuova produzione italo-tedesca che vedremo prossimamente sul piccolo schermo, una serie horror sui lupi mannari

21
CONDIVISIONI
Foto: Luisa Cosentino/Cross Productions

L’Italia pensa in grande con Wolfsburg, prossima produzione che vede coinvolta anche la Germania. La Cross Productions, in collaborazione con la Beta Film tedesca, sta acquistando l’annunciata serie televisiva, un progetto di alto livello incentrato su un immigrato italiano che durante gli anni Sessanta arriva nella città di Wolfsburg, sede del gruppo Volkswagen, e si trasforma in un lupo mannaro assassino.

La serie è innovativa per il nostro Paese, che mai prima d’ora si era spinta così oltre nel genere horror, ed è attualmente in fase di sviluppo. Il progetto è stato annunciato dalla Beta Film nel corso della presentazione alla Berlinale Series Market. Rosario Rinaldo, capo di Cross Production, ha dichiarato: “L’idea di base è di mescolare dei generi, dall’horror al fantasy, che si intersecano con il neorealismo italiano e l’espressionismo tedesco.” I temi focali di Wolfsburg sono l’immigrazione e la paura del diverso, concentrandosi sul rapporto tra la comunità italiana e quella tedesca dell’epoca.

Dato che si tratta di uno show basato sugli effetti visivi, Rinaldo ha aggiunto che un aspetto chiave sarà quanto riusciranno a far apparire bene il lupo mannaro sullo schermo. “Abbiamo lavorato per dare al lupo dei tratti umani. Non è né un animale né un essere umano”. Il supervisore agli effetti visivi, lo spagnolo Victor Perez (che già si è occupato di Rogue One: A Star Wars Story, Harry Potter e i Doni della Morte) ha lavorato sul lupo mannaro con una squadra internazionale guidata dal produttore italiano Federico Gnoli (L’Amica Geniale, in onda su Rai1.). Rinaldo si è detto soddisfatto dei risultati ottenuti.

La Cross è casa di produzione di alcune tra le serie più apprezzate in Italia e recentemente acquistate anche dalle televisioni estere, come Il Cacciatore (attualmente in onda su Rai2 con la seconda stagione e trasformato in The Hunter per il mercato internazionale; e Rocco Schiavone, tratta dalla saga di romanzi di Antonio Manzini con protagonista Marco Giallini). Inoltre, la Cross Production produce il fenomeno Skam Italia, remake dell’omonimo format di successo norvegese, giunto alla sua quarta stagione.

Stefano Sardo (le serie Sky In Treatment, 1992, 1993, 1994) sarà scrittore e showrunner di Wolfsburg. La regia spetterà a Davide Marengo, già dietro la macchina da presa per Il Cacciatore.

Secondo Variety, il budget complessivo del progetto, composto da dieci episodi dalla durata di 50 minuti l’uno, ammonta a 28 milioni di euro e gli attuali investitori sono RAI Fiction e Beta. Rinaldo è comunque alla ricerca di altri partner per finanziare la serie e si è detto aperto a ogni possibilità. L’inizio delle riprese di Wolfsburg è previsto per ottobre 2020, e le scene verranno girate per la maggior parte in Germania e in Italia.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.