Colpisce Iliad gli altri gestori: Benedetto Levi sulla fatturazione a 28 giorni

Il CEO di Iliad ha detto la sua sulla fatturazione a 28 giorni applicata da tutti gli altri operatori nazionali

32
CONDIVISIONI

La fatturazione a 28 giorni pesa come un macigno sulle casse degli operatori nazionali. Il Consiglio di Stato li ha obbligati a risarcire tutti gli utenti in modalità automatica: Iliad, che non fa parte di questa cerchia, ha colto la palla al balzo per bacchettare i concorrenti.

Il CEO Benedetto Levi, attraverso un tweet pungente, ha deciso di dire la sua, affermando che, se è vero che l’unione fa la forza (alludendo al fatto che tutti i provider telefonici nel 2017 aderirono alla fatturazione a 28 giorni, annullando, di fatto, il principio di concorrenza del mercato), ci sono volte in cui è meglio essere diversi (come nel caso di Iliad, che, non avendo optato per la fatturazione a 28 giorni, non si vedrà costretta a pagare la multa complessiva di 228 milioni di euro inflitta dall’AGCM a TIM, Vodafone, Wind 3 e Fastweb, oltre a non aver minato la fiducia dei suoi clienti).

La mensilità in più maturata dalla fatturazione a 28 giorni ha generato un aumento dei costi a danno degli utenti dell’8.6%. L’Antitrust, dal canto suo, aveva evidenziato un atteggiamento omologante da parte dei provider telefonici coinvolti, che aveva reso perfettamente inutili le migrazioni e la concorrenza tra gestori. All’epoca venne istituito una sorta di cartello, utile al mantenimento di quell’incremento dell’8.6% (i provider si guardarono bene dal farsi la guerra in quel periodo). La trasparenza di Iliad, questa volta, ha fatto la differenza: sono più di 4.5 i milioni di utenti che hanno scelto il quarto operatore nazionale (numeri pazzeschi, specie considerato da quanto poco tempo il gestore di origini transalpine si è insediato nel nostro Paese). La trasparenza che Iliad sta dimostrando pare pagare (in attesa che il gestore riesca a svincolarsi dal roaming Wind 3 attraverso la costruzione di una propria rete). Voi da che parte sentite di schierarvi? Fatecelo sapere lasciando un commento all’articolo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.