In arrivo la gamma Xiaomi Mi 10: distinzioni tra modello base e Pro

Lei Jun conferma il prossimo arrivo degli Xiaomi Mi 10, tutti dotati di processore Snapdragon 865

62
CONDIVISIONI

La conferma dell’arrivo imminente dello Xiaomi Mi 10, pronto a lanciare il guanto di sfida al Samsung Galaxy S20, è arrivata dal fondatore, amministratore delegato e presidente del marchio, Lei Jun, che, su Weibo (lo ha riportato il portale ‘mydrivers‘ in lingua originale), ha anche fatto sapere il top di gamma monterà il processore Snapdragon 865, con annuncio previsto per il Q1 2020 (entro il mese di marzo ne faremo la conoscenza). Il device, nella sua versione base, includerà un sistema di ricarica rapida a 48W, più lento rispetto a quello a 65W previsto per la variante Pro.

Una differenza, questa, che non dovrebbe riguardare il chipset, che sembra corrispondere allo Snapdragon 865 in tutti i modelli in programma. La potenza, quindi, resterebbe la stessa, anche se bisognerà sempre verificare il quantitativo di RAM disponibile per la versione base. Un’altra differenza, invece, potrebbe risiedere nel comparto fotografico: non è escluso che il produttore cinese decida di confermare il sensore da 108MP prodotto in collaborazione con Samsung per tutti i modelli, dotando però quelli di punta di ottiche di gran lunga migliori al netto dello stesso sensore utilizzato (speriamo proprio di no, anche se in passato l’andazzo è stato questo).

Come vi dicevamo, già per le precedenti generazioni dei propri dispositivi l’OEM ha agito così, quindi non ci meraviglieremmo più di tanto se, anche in tale occasione, decidesse di differenziare in questo modo i propri prodotti, pur facenti parte della stessa linea. Vi sapremo dire di più riguardo a questo ed a tanti altri aspetti tra breve, visto e considerato che gli Xiaomi Mi 10 saranno presentati a stretto giro. La data di presentazione dovrebbe essere sempre più vicina, e con essa immaginiamo che i dettagli aggiuntivi non mancheranno da qui a poco tempo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.