Fuorviante il test Digitale terrestre DVB-T2 e bonus poco utilizzati

La deputata Mirella Liuzzi a ruota libera sul Digitale terrestre DVB-T2: bonus e test di compatibilità gli argomenti affrontati

2
CONDIVISIONI

Il Digitale terrestre DVB-T2 è argomento assai dibattuto in questi ultimi giorni, affrontato di recente anche da Mirella Liuzzi, Sottosegretario allo Sviluppo Economico. Su LinkedIn la deputata ha parlato dei bonus che il Governo sta erogando in favore di quanti acquistano dispositivi (TV o decoder) per la ricezione del nuovo segnale, confermando che gli incentivi non stanno facendo granché bene.

Nel mese di dicembre il finanziamento ha riguardato 15,963 device, di cui 14,061 TV e 1,902 decoder (a riprova del fatto che gli italiani preferiscono puntare su nuove TV piuttosto che sui decoder). I milioni stanziati sono 151, a fronte dei 791 mila euro finora versati (pari ad appena lo 0,5% del totale). Del resto, il passaggio definitivo al Digitale terrestre DVB-T2 avverrà a cavallo tra il 21 ed il 30 giugno 2022 su tutto il territorio nazionale, e quindi c’è ancora tutto il tempo per potersi adeguare. Speriamo l’affluenza agli acquisti non si concentri tutta a cavallo del passaggio: nel caso la disponibilità di TV e decoder compatibili potrebbe risultare limitata.

Mirella Liuzzi sottolinea un altro aspetto molto importante: in questo articolo vi avevamo parlato dell’attivazione di alcuni canali test per verificare la compatibilità dei propri apparecchi con il Digitale terrestre DVB-T2. La fase di test è effettivamente partita, sebbene si tratti di una tappa di definizione tecnica da parte degli operatori (volendo usare le esatte parole della deputata). La Liuzzi sconsiglia agli italiani di procedere adesso alla prova, che potrebbe risultare fuorviante. Non è il caso di fare allarmismo a suo dire: il Ministero dello Sviluppo Economico fornirà ai cittadini tutte le dovute istruzioni per portare a termine la verifica al momento opportuno. Voi vi siete già attrezzati, oppure preferite attendere ancora un po’ per meglio comprendere l’evoluzione della vicenda? Fatecelo sapere commentando l’articolo attraverso il box in basso.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.