Forse per la fine del mese il Motorola Razr, anche se non è detto

Probabilmente disponibile dalla fine del mese il Motorola Razr: la certezza è solo per gli USA

2
CONDIVISIONI

In molti apprezzano il Motorola Razr, pur non avendolo ancora potuto vedere dal vivo. Lo smartphone pieghevole della casa alata piace e non poco, ma si sta facendo attendere ormai da un bel po’. Da quel che era stato programmato, il device sarebbe già dovuto essere nei negozi, ma dello smartphone finora nemmeno l’ombra. L’annuncio che aspettavamo è stato ripreso da ‘The Verge‘: sebbene riguardi solo il mercato americano, è bene segnalare che il Motorola Razr sarà reso disponibile online a partire dal 26 gennaio, al prezzo di 1499 dollari.

L’arrivo del dispositivo nei negozi fisici sarebbe previsto il 6 febbraio (per tutti quegli utenti che preferiscono dargli un’occhiata da vicino prima di investire i propri soldi), che è poi anche la data in cui gli esemplari acquistati online saranno spediti. Nel comunicato si legge che sarà possibile effettuare la prenotazione del Motorola Razr attraverso il sito ufficiale, come pure mediante Verizon e Walmart. Come vi dicevamo pocanzi, le indicazioni sopra riportate valgono per il mercato americano, ma non siamo sicuri lo stesso possa valere per quello europeo non essendo state fornite informazioni per territori diversi.

Non ci saremmo mai aspettati di poterlo dire data la repentinità con cui ha agito l’azienda, ma speriamo per la società che il Motorola Razr arrivi nel giro di pochi giorni, altrimenti potrebbe essere battuto sul tempo dal Samsung Galaxy Z Flip, il pieghevole a conchiglia che il produttore asiatico presenterà il prossimo 11 febbraio insieme ai Samsung Galaxy S20, S20 Plus e S20 Ultra. Vi ricordiamo, infine, che finora l’offerta più vantaggiosa per l’acquisto del Motorola Razr in Italia è firmata TIM, con la sua proposta rateale che potrete consultare a questa pagina (fermo restando che il prezzo complessivo del dispositivo resta molto alto).

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.