Rate di Natale con Wind per Huawei P30 e P30 Pro: zero anticipo

Nessun contributo iniziale e piccole rate con Wind per portarsi a casa i Huawei P30 e P30 Pro

15
CONDIVISIONI

Siete alla disperata ricerca di un nuovo smartphone da regalare o regalarvi per Natale? L’occasione giusta potrebbe arrivare da Wind, che propone i Huawei P30 e P30 Pro ad un prezzo speciale tramite acquisto a rate. Ci sono, però, dei requisiti da rispettare per poter aderire alla promozione: in primo luogo serve essere clienti Wind (su questo non ci piove), ed in seconda battuta occorre avere attiva una delle offerte ricaricabili All Inclusive, o Wind Family se in abbonamento. Rientrate nella selezione? Come riportato su ‘mondomobileweb.it‘, il top di gamma Huawei P30 sarà vostro a 0 anticipo e con 30 rate mensili da 7,99 o 9,99 euro ciascuna (il primo costo è per quelli che hanno attiva un’offerta Wind Family, il secondo per gli utenti All Inclusive). Se recederete dal contratto prima del tempo sarete tenuti a pagare una rata finale di 228,19 e 290,19 euro rispettivamente.

Nel caso di Huawei P30 Pro, le rate sono da 13,99 euro al mese per 30 mesi (il contributo iniziale resta nullo), sia che abbiate attiva una delle offerte Wind Family che All Inclusive. In caso di recesso anticipato la rata finale sarà di 364,19 euro per All Inclusive e di 404,19 euro per Wind Family. Il servizio di rateizzazione prende il nome di ‘Telefono Incluso Findomestic‘, con modalità di pagamento tramite addebito sul proprio conto corrente.

Non c’è niente di meglio che coccolarsi con uno smartphone (soprattutto se il proprio inizia a fare i capricci, e non c’è verso di recuperarne il normale funzionamento nonostante ci abbiate provato mille volte) per le festività natalizie: i prezzi sono al minimo, anche se c’è da considerare il fatto che nel giro di tre mesi al massimo i Huawei P30 e P30 Pro saranno già rimpiazzati dai loro successori, i Huawei P40.

Segui gli aggiornamenti della sezione Huawei sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.