Prove generali di Android 10 su Samsung Galaxy S9: pronta la terza beta

Gli ex top di gamma sudcoreani ricevono la loro terza beta di Android 10: da gennaio in versione finale

Sappiamo che i Samsung Galaxy S9 riceveranno Android 10 in versione stabile con la One UI 2.0 a partire dal mese di gennaio, come dimostra anche il rilascio della terza beta, che segue la seconda di appena qualche giorno (i lavori si stanno, quindi, intensificando per poter poi produrre il massimo sforzo da qui a poco). Come riportato da SamMobile, per il momento il rilascio sembra essere avvenuto solo in India, ma scommettiamo che nel giro di pochissimo la distribuzione si estenderà anche agli altri Paese per i quali è stato aperto il programma beta. Come si può constatare dal changelog, più ci si avvicina al mese di gennaio e più i bug elencati nel registro delle modifiche si riducono (tant’è che la terza beta ne elenca soltanto quattro).

Il pacchetto, contraddistinto dalle serie firmware G960FXXU7ZSL9/G965FXXU7ZLS9 (rispettivamente per i Samsung Galaxy S9 e S9 Plus), ha un peso di 364.79MB, ed include la patch di sicurezza di gennaio 2020. La terza beta potrà essere scaricato da tutti quelli che hanno preso parte al programma, anche se ci vorrà un po’ prima che si estenda a tutti gli altri mercati (dato che per il momento se ne hanno traccia solo per quanto riguarda il territorio indiano).

Il mese di gennaio ormai è molto vicino: nel giro di tre o quattro settimane al massimo verrà divulgata la versione stabile di Android 10 con One UI 2.0 destinata ai Samsung Galaxy S9 e S9 Plus, dispositivi non più top di gamma in carica, ma comunque ancora importanti (altrimenti il produttore asiatico non si sarebbe impegnato tanto a fondo per rilasciarlo in così breve tempo). La terza beta potrebbe essere l’ultima prima dell’iterazione finale: se così non fosse, ci preoccuperemo di farvelo sapere al prima possibile.

Segui gli aggiornamenti della sezione Samsung Galaxy S9 sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.