Sistema operativo Harmony e smartphone Huawei: questo matrimonio non s’ha da fare

Implementazione negata pure su tablet e PC per una strategia pro Android

7
CONDIVISIONI

Ma il sistema operativo Harmony troverà mai posto sugli smartphone Huawei? O anche sui tablet e i computer? A questa domanda c’è una nuova risposta ufficiale che forse lascerà l’amaro in bocca a molti ma rassicurerà pure altri. L’OS proprietario del produttore cinese ha un destino già segnato e forse non è proprio quello che in molti si sarebbero immaginati.

A parlare di Harmony OS, in queste ore, è stato il presidente della divisione Huawei Consumer Business Software, Wang Chenglu. Durante la presentazione di un nuovo flagship store a Shenzen, in Cina, sono state chiarite le future strategie sulla creatura software proprietaria. Questa verrà utilizzata (per stessa dichiarazione di Chenglu) su tutti i dispositivi del brand ad eccezione di smartphone, tablet e computer. Questa esclusione fa quasi sorridere, visto che rappresenta la stragrande maggioranza di device per i quali il brand è conosciuto nel mondo occidentale ma cerchiamo di capire il perché di una scelta così singolare.

Il matrimonio tra smartphone Huawei e sistema operativo Harmony non s’ha da fare perché si continuerà a preferire sempre l’OS Android da mettere a bordo dei dispositivi mobili e sui PC. Non si ha alcuna intenzione di mettere in pericolo le vendite con una nuova esperienza software che potrebbe risultare poco famigliare e che dunque potrebbe frenare gli impulsi di acquisto.

Ma se Harmony OS non comparirà sugli smartphone Huawei e colleghi, su che cosa poi verrà implementato? Certamente sulle nuove smart TV a marchio Huawei appunto ma anche Honor come tra l’altro già accaduto. Ancora, l’utilizzo della nuova soluzione potrebbe essere pure garantito sugli smartwatch visto che questi ultimi non compaiono tra le eccezioni di cui fa menzione Chenglu. Per finire, l’opzione specifica potrebbe trovare vita in dispositivi Smart Home o ancora nello sviluppo di soluzioni Huawei Auto.

Nonostante il sistema operativo Harmony non verrà destinato agli smartphone, Huawei continuerà a svilupparlo in maniera costante. Sempre durantre la presentazione del nuovo flagship store in Cina, è stato pure annunciato che l’OS potrebbe diventare open source già nell’agosto del 2020, ossia ad un anno esatto dalla sua prima presentazione.

Segui gli aggiornamenti della sezione Huawei sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.