Ancora una falsa partenza per il Huawei Mate X: pieghevole rimandato?

Ancora problemi per l'innovativo smartphone? Voci autorevoli dalla madrepatria

8
CONDIVISIONI

Una telenovela senza fine e soprattutto quasi avvilente nella sua trama. Il Huawei Mate X, ossia il primo smartphone pieghevole del produttore lanciato lo scorso febbraio al MWC di Barcellona e poi mai commercializzato nei mesi a seguire, sembrava aver trovato un punto di svolta con un prossimo lancio commerciale limitato. Così forse non sarà, almeno secondo quanto riportato da una fonte cinese autorevole come GizmoChina.

Facciamo il punto della situazione per il Huawei Mate X. Nel corso delle ultime settimane era sembrato ormai certo il laancio comemrciale del Huawei MAte X il prossimo 15 novembre. Si sarebbe trattato di un avvio di vendite limitato solo alla madrepatria del produttore e tanto più in un numero abbastanza ristretto di unità. Il via lasciava comunque ben sperare anche per un’eventuale prosieguo della commercializzazione altrove. Ma così, forse, non sarà.

Solo false speranze per il Huawei Mate X? L’ipotesi parte dalla fonte asiatica su menzionata che fa riferimento appunto alla possibilità che neanche il 15 novembre accada niente. Proprio l’azienda Huawei sarebbe intenzionata a posticipare nuovamente la data di commercializzazione per motivi non chiari ma almeno intuibili. Non è un mistero che l’innovativo hardware pieghevole abbia dato tanti grattacapi ai progettisti e di conseguenza il modello in questione potrebbe non essere ancora pronto al suo uso quotidiano; perché magari potrebbe non funzionare correttamente o comunque mettersi in evidenza per problemi di ogni tipo.

Se l’ulteriore ritardo del Huawei Mate X dovesse essere confermato, allora ci troveremmo al cospetto di un vero e proprio scacco matto per il brand. Il rivale Samsung Galaxy Fold, alla fine dei conti, è stato lanciato nel mese di settembre, anche se in pochi mercati. La guerra dei pieghevoli ha un primo (parziale) vincitore? Le prossime ore saranno decisive per ottenere o meno conferme della mossa indietro del produttore cinese.

Segui gli aggiornamenti della sezione Huawei sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.