Lo Xiaomi Mi Note 10 stupisce: foto al top come Huawei Mate 30 ma prezzo stracciato

Un dispositivo con tanti pregi tra cui anche un costo accessibile a molti

6
CONDIVISIONI

Oggi 5 novembre lo Xiaomi Mi Note 10 è stato presentato in Cina. Il suo nome locale è in realtà Xiaomi Mi CC9 Pro ma lo stesso identico modello, in 3 versioni diverse, verrà presentato tra circa 24 ore in Europa a Madrid, proprio con la prima nomenclatura. L’anteprima asiatica ci ha fornito dunque tutti i dettagli della scheda tecnica di un device destinato a far molto parlare di se, in particolare per la sua capiente batteria ma soprattutto per un comparto fotocamera a 5 sensori, di cui quello principale da 108 MP. Tanta carne a cuocere per un device molto competitivo e allettante.

Scheda tecnica e prezzo dello Xiaomi Mi Note 10

Lo Xiaomi Mi Note 10 giunge con un display curvo Super AMOLED da 6,47 pollici. La risoluzione è FHD e nella parte alta del display è presente un notch a goccia. Sotto la scocca batte il cuore di un Qualcomm Snapdragon 730G: la CPU è CPU octa-core Kryo 470 a 8 nm, con frequenza di clock massima pari a 2,2 GHz. Per il processore grafico, ancora, il brand si affida ad una GPU Adreno 618 mentre per la connessione ad un modem LTE Snapdragon X15.

Come già annunciato, il punto di forza dello Xiaomi Mi Note 10 è rappresentato di certo dalle 5 fotocamere posteriori: il sensore principale da 108 MP è un Samsung ISOCELL Bright HMX. Un primo teleobiettivo da 8 MP ha zoom ottico 5X (fino a 50X digitale), il secondo ha risoluzione 12 MP e zoom ottico 2X. Segue il grandangolo con sensore da 20 MP e campo visivo di 117° e infine un’unità per macro in grado di mettere a fuoco già a 1,5 cm di distanza. Completa il tutto un doppio flash LED con due temperature, calda e fredda mentre, per la cronaca, la fotocamera anteriore è da 32 MP.

Come pure anticipato, altro punto a favore dello Xiaomi Mi Note 10 è rappresentato dalla batteria da ben 5260 mAh. il telefono supporta la ricarica rapida a 30 W (58% di autonomia in 30 minuti).

Le colorazioni dello Xiaomi Mi Note 10 sono tre ossia Aurora Green, Glacier White e Midnight Black. Il telefono giunge con a bordo l’interfaccia MIUI 11 basata su Android 9 Pie.

Qual è il prezzo di cotanta tecnologia? Come nella tradizione Xiaomi, il Mi Note 10 si mantiene su un segmento mid-range. Il listino ufficiale europeo sarà reso noto solo domani nel corso della presentazione spagnola ma abbiamo già a disposizione quello cinese e la rispettiva conversione in euro dalla quale non dovremmo discostarci molto:

  • versione 6 GB di RAM + 128 GB di memoria interna – 2.799 yuan (circa 360 euro);
  • versione da 8 GB di RAM + 256 GB di storage – 3.099 yuan (circa 400 euro);
  • versione da 8 GB di RAM + 256 GB di memoria interna in Premium Edition: 3.499 yuan (circa 450 euro).

Già nell’olimpo della fotografia lo Xiaomi Mi Note 10

Lanciato solo oggi nella sua versione cinese, lo Xioami Mi Note 10 è stato già posizionato al primo gradino come miglior smartphone per fotocamera della speciale classifica DxOMark. L’analisi degli esperiti ha conferito al device 121 punti complessivi, esattamente come al Huawei Mate 30 Pro. Scendendo più nel dettaglio, il punteggio per la fotografia è quello di 130, 102 al contrario per il comparto video.

Viene fuori più che naturale una riflessione: impossibile non credere che Huawei non si senta in qualche modo minacciata da questo risultato. Il suo Xiaomi Mi Note 10 verrà commercializzato fin da subito in tutta Europa, mentre il Mate 30 manca all’appello nei principali mercati cruciali del vecchio continente, a causa della questione ban USA dei servizi Google. Insomma, proprio Xiaomi godrà di un particolare slancio delle sue vendite in questo autunno? Sarebbe più che probabile.

Commenti (1):
Fabio

Come smartphone e rapporto q/p è ad dir poco e eccezionale se costerà da noi max 500€ sarà un best buy nella sua fascia peccato però che sia uscito con android 9 e non con il 10

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.