Chicago Fire 8 da il via al maxi crossover con PD e Med: la #OneChicago torna per infettare tutti

Chicago Fire 8, Med e PD si mettono insieme per la #OneChicago

194
CONDIVISIONI

Chicago Fire 8 si prepara a lanciare il maxi crossover con PD e Med proprio oggi, 16 ottobre, negli Usa. Quella che ormai tutti conosciamo come la #OneChicago è pronta a sbalordire i fan di tutto il mondo con la sua minaccia più spaventosa e più cattiva di sempre: un batterio mortale pronto a distruggere la città e spazzare via la vita fino ad adesso conosciuta.

Un vero e proprio rischio apocalisse, questo è quello che devono sventare gli uomini di Chicago Fire, PD e Med unendo le loro forze e lo stesso showrunner ha rivelato:

 “Quando sei addestrato a combattere gli incendi, sai con cosa hai a che fare per lo più. Hai l’attrezzatura giusta per affrontare le temperature e quelle cose. Quello a cui non stai pensando sono i microbi… è terrificante vedere quanto velocemente può influenzare le persone. Questo è un agente biologico che, entro 24 ore, può uccidere una persona. Quindi è orribile. “

Partirà da qui il maxi crossover che andrà in onda questa sera a cominciare proprio da Chicago Fire 8 che andrà in scena con la prima parte di “Infezione” dando il via al crossover quando un batterio raro ma mortale prende piede su numerose vittime in città, lasciando i migliori soccorritori di Chicago a lavorare insieme al CDC per risolvere la pericolosa situazione. A seguito di un incendio in un’università locale che si lega allo scoppio, Severide (Taylor Kinney) ha il sospetto che stia accadendo qualcosa di più grande.

A seguire toccherà a Chicago Med 5 con la seconda parte di “Infezione” in cui un intero complesso di appartamenti viene costretto alla quarantena quando i casi del virus mortale si trasformano in un’epidemia. Il PD segue un indizio che potrebbe indicare un caso di bioterrorismo e Will (Nick Gehlfuss) si avvicina pericolosamente al sospettato. Sarà proprio la settima stagione di Chicago PD a chiudere in bellezza con le indagini e la verità sul batterio.

Ad alzare il velo sul crossover ci ha pensato Joe Minoso:

“Penso specificamente in questo crossover più di ogni altro, c’è una fusione di personaggi più che mai. Sembrerà più che un film. E penso che ti ritroverai a non sapere quando stai guardando Fire o quando stai guardando PD o quando stai guardando Med, perché saremo tutti lì tutto il tempo. E penso che rimarrai sorpreso, davvero, per quanto siamo diventati efficaci e bravi in questo”.

Quello che gli sceneggiatori ci tengono a sottolineare è che è vero che il crossover può essere visto come un film autonomo ma che ci saranno anche alcuni sviluppi che riguarderanno alcuni dei protagonisti e, quindi, si ripercuoteranno sui nuovi episodi.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.