Rosy Abate 2 chiude un cerchio di dieci anni con un mitico finale: lunga vita alla regina e alla sua famiglia

Rosy Abate 2 ha regalato ai fan un lieto finale (a metà)

1
CONDIVISIONI

I fan ringraziano Pietro Valsecchi di aver messo insieme un altro finale per Rosy Abate 2 e si sciolgono in lacrime prima per la presunta morte della loro beniamina e poi per la sua parvenza di vita normale, quella che adesso potrà vivere accanto al figlio Leonardo, la nuora e il nipotino che presto arriverà. “Lunga vita alla regina” scrive la stessa Taodue ma senza rivelare se un seguito ci sarà o meno anche se quello che abbiamo visto ieri sera è stato perfetto evitando così il rischio Beautiful e simili.

Rosy Abate 2 ha avuto il compito di portare davanti allo schermo anche quella parte di pubblico che non amava molto il crime e che, quindi, si era allontanata da Squadra Antimafia, regalando una fiction più dedica al drama con qualche punta di action e lo stesso è successo ieri sera. Eliminate le scene di sangue e scontri, in realtà abbiamo visto Costello e Rosy combattere fino alla fine per la stessa cosa, i loro figli tra voglia di vendetta e possibilità di rivalsa.

A reggere la baracca questa volta, per l’intera stagione, non c’era solo la brava ed espressiva Giulia Michelini, ma anche due ottimi pilastri come Davide Devenuto e Vittorio Magazzù. In molti sono già pronti a scommettere che un altro spin off sia possibile e che il protagonista possa essere quest’ultimo dopo l’ottima performance della stagione e del finale di ieri sera.

Leggerezza e illogicità non sono mancate perché di certo Rosy Abate 2, così come Squadra Antimafia (le ultime stagioni), hanno avuto questa svolta verso la soap e il fumetto che hanno permesso salvataggi in extremis e ritorni dal mondo dei morti ma senza mai allontanare il pubblico regalando alla rete buoni ascolti, almeno in confronto alla noia piatta delle altre serate.

Rosy Abate ha combattuto per l’anima di suo figlio (e viceversa) fino alla fine svelando anche la verità sul padre Ivan di Meo per fargli capire che nel suo sangue non scorre solo la mafia e la violenza e, alla fine, sembra che il messaggio sia arrivato forte e chiaro visto che il giovane ha preso in mano la sua vita al fianco di quella che è diventata sua moglie in attesa del figlio che verrà.

I fan hanno fatto riscrivere il finale regalando a Rosalia un lieto fine a metà. È vero che ha portato in salvo suo figlio, che presto sarà un ottimo poliziotto, facendogli sposare la sua Nina e permettendogli di avere una famiglia che lei non ha mai avuto, ma perché uccidere Luca? Proprio lui è stato il morto eccellente di questo finale anche se i fan non hanno gradito.

Per adesso tutto lascia pensare che quello di ieri sera sia un addio ma tra qualche anno chissà, forse ci sarà modo per gli Abate di tornare in trincea per un altro torto subito o, magari, un altro spin off è all’orizzonte e questa volta senza Giulia Michelini. Lunga vita alla regina di Palermo!

 

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.