Tomorrow è il nuovo singolo di Mika, la libertà d’amare nell’album My Name is Michael Holbrook

Un brano sull'amore e sulla libertà d'amare: Mika svela il nuovo singolo da My Name is Michael Holbrook

499
CONDIVISIONI

My Name is Michael Holbrook è il titolo del nuovo album di Mika dal quale verrà estratto il brano Tomorrow, in radio e in digital download da venerdì 20 settembre.

La libertà d’amare in un brano particolarmente intenso e significativo, scritto da Mika stesso con Fyfe e prodotta da Mark Crew e Dan Priddy. Mika ha spiegato che Tomorrow “ruota attorno all’’atto di prendere una decisione in un momento di bollente passione e inquietante paura: buttarmi in una relazione amorosa che già so essere avventata e pericolosa, o non far nulla e andare sul sicuro? Alla fine la decisione è chiara: chi se ne importa del domani, scelgo di vivere per l’amore e non al comando della paura”.
Come raccontato dallo stesso artista, Tomorrow “E’ una canzone sulla libertà di non avere paura delle conseguenze, di quello che gli altri pensano”, al fine di vivere l’amore in completa libertà, sia esso quello per il sesso opposto o per lo stesso sesso.

Dopo il singolo estivo Ice Cream, e i brani Tiny Love, Sanremo, Dear Jealousy, arriva Tomorrow, nuova traccia ad anticipare il disco My Name is Michael Holbrook in programma per il prossimo 5 ottobre.

L’album è stato scritto e realizzato tra Miami, Londra e la campagna toscana, in due anni di lavoro. Sarà il tassello mancante per la conoscenza completa e totale di Mika che in una recente intervista a Vanity Fair si è esposto parlando della sua famiglia e ricordando importanti, quanto dolorosi, episodi.

“Avevo sette anni. Mio padre, consulente finanziario, era stato preso in ostaggio in Kuwait. È tornato sette mesi dopo, cambiato: non riuscivamo più a chiamarlo papà, non lo riconoscevamo più”, spiega l’artista che, dopo aver fatto pace con il suo passato, è pronto a raccontarsi senza filtri nel disco che porta il suo nome di battesimo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.