Bella di Jovanotti è per Nadia Toffa, la dedica commovente a Policoro (video)

Lorenzo ha ricordato l'amica anche in un post: "Ci mancherai, ma il tuo coraggio resta"

16
CONDIVISIONI

Bella di Jovanotti è una filastrocca sulla semplicità delle cose coniugata con l’amore per la sua donna, e proprio per questo la licenza poetica del cantautore è diventata una dedica piena di affetto verso un’amica, un personaggio che ha lasciato questo mondo. Sul palco di Policoro (Matera), durante una delle tappe del Jova Beach Party, il Lorenzo nazionale ha dedicato a Nadia Toffa una delle sue canzoni più amate.

Nelle ore precedenti Jovanotti aveva scritto un post su Facebook:

Ci si impiegava un attimo a volerti bene: uno sguardo, due parole e sembrava di essere amici da sempre. Hai lasciato entrare tutti nella tua vita perché vedessero quanta forza c’era dentro quel corpo leggero. Ricorderò sempre il tuo sorriso e la tua amicizia istantanea. Hai avuto un coraggio grandissimo nel modo in cui hai affrontato due malattie, una delle due è la superficialità e il giudizio facile sparato attraverso un post o un commento ignorante. Hai vinto tu. Ci mancherai, ma il tuo coraggio resta. Ciao, Nadia.

Sul palco di Policoro, il cantautore ha introdotto la sua dedica con semplici parole: “Questa è per Nadia”Bella di Jovanotti era il primo singolo estratto dal disco Lorenzo 1997 – L’Albero, un album con il quale l’artista proponeva una parentesi positiva in un’epoca attraversata da una grande perdita di valori, e la canzone riproposta per Nadia Toffa rappresentava una feritoia riassuntiva di tutta l’opera: un lavoro in cui si parlava di amore e speranza, ma soprattutto di leggerezza e semplicità.

La dedica a Nadia Toffa è stata accolta con un applauso commosso ed è stata eseguita con un certo distacco dallo shuffle della versione originale: l’arrangiamento di Bella di Jovanotti è stato arricchito da un sound più etnico ed estivo, con l’apporto della fisarmonica e una ritmica più vicina al reggaeton, un modo per ricordare la conduttrice de Le Iene senza atmosfere strappalacrime, ma con la malinconia di un sorriso.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.