Napoli-Liverpool 3 a 0. Insigne e Milik top player. Il mercato serve davvero?

Insigne ed il Napoli si sono presi una bella rivincita contro il Liverpool. Dopo la beffarda eliminazione patita nella fase a gironi della passata stagione , Insigne ha tramortito i Campioni d’Europa. A segno anche Milik che nei secondi finali di Anfield fallì la rete qualificazione. Un successo effimero che muterà la strategia di mercato di Aurelio De Laurentiis?

273
CONDIVISIONI

Una rondine non fa primavera, tanto meno un’amichevole estiva non riempie la bacheca dei trofei. La notizia del giorno, però, è che Insigne, Milik ed il Napoli hanno messo al tappeto il Liverpool. I campioni d’Europa sono stati surclassati da un Insigne ispiratissimo e da un Milik infallibile che ha trovato quella rete fallita all’ultimo assalto d’Anfield.

Un successo certamente “effimero” come solo il calcio estivo può esserlo poiché in poche ore passi dal sofferto pari contro la Cremonese al trionfo contro gli uomini di Klopp. Effimero certo ma sempre successo. E vincere, direbbe il maestro Boskov, è sempre meglio di perdere.

L’anno passato, giova ricordarlo, il Napoli nella medesima amichevole di reti ne beccò cinque salvo poi dare una lezione di calcio al Liverpool nel match d’andata della Champions risolto, non sarà mica un caso?, proprio da Insigne al novantesimo.

Questa vittoria potrebbe persino mutare le strategie di mercato del Presidente De Laurentiis che ancora non ha sparato i colpi attesi con trepidazione dai tifosi. Pepè, Rodriguez ed Icardi sono ancora sogni nel cassetto. Domani chissà.

Per intanto la realtà del campo, sebbene estivo, ci dice che il Napoli due top player li ha già in organico: Milik ed Insigne. Proprio loro i due più discussi, ed al tempo stesso apprezzati, protagonisti delle voci in uscita.E’ calcio estivo, le squadre sono rimaneggiate, la condizioni è ancora precaria ma vuoi vedere che il Napoli ha già in casa quello che sta cercando altrove?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.