Brutte notizie sul Samsung Galaxy S9: addio al supporto LineageOS

La LineageOS cessa il proprio supporto per il Samsung Galaxy S9 ed alcuni altri smartphone

8
CONDIVISIONI

Il supporto ufficiale è ben lontano dall’abbandonare al suo destino il Samsung Galaxy S9, dispositivo che ha appena un anno e poco più di vita, e che quindi ha davanti a sé ancora tanto tempo. Come riportato da ‘androidpolice.com‘, eppure una trista notizia lo ha colpito, anche se di striscio: ci riferiamo al cessato supporto della LineageOS, ROM cucinata (non ufficiale) tra le più amate dello scenario mondiale.

Gli sviluppatori che lavorano al progetto sono davvero tanti, come molti sono i dispositivi supportati, tra cui rientrava, fino a pochissimo tempo fa, il Samsung Galaxy S9, ed anche a pieno titolo. Dice addio, innanzitutto, l’NVIDIA SHIELD Tablet, l’intramontabile Nexus 4 (ormai non contiamo neanche più gli anni che questo primo googlefonino ha alle spalle), il ZTE Axon 7 ed il Samsung Galaxy S9. Per ogni addio che si rispetti, ecco arrivare i dovuti rimpiazzi: la LineageOS (giunta alla versione 16) dà il benvenuto nella propria famiglia allo Xiaomi Redmi Note 7 Pro, allo YU Yuphoria, all’ASUS Zenfone Max Pro M1 ed all’Honor 5X.

Probabilmente l’abbondono del Samsung Galaxy S9 da parte della community sottesa al progetto LineageOS non vi tange più di tanto, ma non si può non considerare ciò che l’ex top di gamma asiatico ha perduto (la possibilità di tenersi aggiornato nel tempo, anche a distanza di anni, seppur non in maniera ufficiale). Per ricorrere al modding serve esperienza ed una certa maestria (non è cosa da tutti, specie se non si è ben coscienti dei rischi cui si va incontro e delle operazioni preliminari da fare per potersi affacciare a quest’attività). Dispiace sapere che il Samsung Galaxy S9 non faccia più parte della famiglia LineageOS, ma immaginiamo di dovercene fare una ragione (gli sviluppatori avranno avuto i loro buon motivi per prendere una decisione simile).

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.