First Man – Il Primo Uomo, la storia dell’allunaggio con Ryan Gosling nei panni di Neil Armstrong, è finalmente su SKY Cinema

A cinquant’anni dal primo allunaggio del 1969, Sky Cinema propone il film First man – Il primo uomo, già insignito di numerosi premi ai Golden Glòbes, al BAFTA e vincitore del Premio Oscar 2019 Migliori effetti speciali a Michael Gaspar

23
CONDIVISIONI

“Questo è un piccolo passo per un uomo, ma un grande balzo per l’umanità”. Lo spettatore entra in sala certo che saranno queste parole ad emozionarlo, le parole del primo uomo sulla luna. Saranno invece i suoni e le interpretazioni a impressionare la platea. First Man – Il primo uomo, la storia dell’allunaggio con Ryan Gosling nei panni di Neil Armstrong , è finalmente su SKY Cinema.

Il regista Damien Chazelle, classe 1985, riporta sullo schermo Ryan Gosling, con cui aveva già lavorato in La La Land, nei panni questa volta di Neil Armstrong. Il giovane talento Chazelle, autore del pluripremiato “Whiplash” (2014), affronta i preparativi dello sbarco dal punto di vista soggettivo di Armstrong, caratterizzando e umanizzando fortemente uno dei grandi eroi nazionali made in U.S.A.

Sullo sfondo c’è la “corsa allo spazio”, una delle fasi più conosciute della guerra fredda tra Stati Uniti e Unione Sovietica tra il 1957 e il 1975. Le due superpotenze cercarono di prevalere l’una sull’altra a furia di passeggiate spaziali e ovviamente primi passi sul suolo lunare.

L’Armstrong interpretato da Gosling è un uomo sempre concentrato, che nasconde attentamente i suoi demoni.Sono tanti i drammi che hanno accompagnato la sua esistenza, come la perdita della figlia Karen, malata di cancro e infine deceduta per una polmonite nel 1962 all’età di soli due anni o come il rapporto intimo, complicato dai silenzi di Armstrong , con la moglie Janet Elizabeth Shearon, interpretata dall’attrice Claire Foy.

Il film si concentra molto sui rapporti parentali e amicali di Armstrong e sulle fasi del programma spaziale. Si passa dai progressi del progetto Gemini, alla sospensione del programma dovuta alla morte degli astronauti Gus Grissom, Edward White e Roger Chaffee in un test. Infine sarà pronta la formazione finale dell’equipaggio del famoso Apollo Undici. Quella stessa formazione che nel 20 luglio 1969 ha sancito la fine e l’inizio di un’era.

Durante la visione del film su sky, sono tre i suoni de First Man – Il primo uomo che non dimenticherete facilmente.
Ciò che colpisce nel film che tiene incollati allo schermo gli spettatori per ben 141 minuti, oltre alla conferma del talento attoriale di Ryan Gosling, è il sapiente utilizzo dei suoni da parte di Chazelle che contribuiscono a mantenere alta la tensione.
Pensiamo al respiro profondo di Armstrong dopo i funerali della figlia, lontano dalla confusione, mentre fa ordine nel suo studio; al cigolio delle lamiere all’interno di un abitacolo tenuto da viti e bulloni che sembrano voler cedere sotto la pressione dei propulsori. Infine ascoltiamo il silenzio assoluto che precede il primo passo sulla luna di Armstrong in una terra mai attraversata prima.

L’Armstrong interpretato da Gosling solo nelle scene finali, in patria e in quarantena, sembra rendersi conto del portato epocale di ciò che aveva compiuto. Siamo nell’America degli anni ’60, dove una parte della popolazione immagina un futuro fatto di auto volanti e case su Marte ed un’altra è lontana “anni luce” dai problemi spaziali, troppo alle prese con la povertà e le diseguaglianze crescenti. Il Poeta afroamericano Scott Heron ha descritto bene quel punto di vista in “Whitey on the Moon – I bianchi sulla luna”.

Dopo la “corsa allo spazio” fu il turno della “corsa agli armamenti” per gli Stati Uniti d’America. Con la fine del programma Apollo, saranno in totale solo dodici gli uomini a camminare sulla luna nella storia dell’umanità.

Nell’ultima scena muta del film di Chazelle, l’Armstrong che guarda la moglie dietro il vetro che li separa, sembra consapevole di non poter restare con la testa sulla luna. E’ ormai pronto ad affrontare i propri demoni sulla terra.

Il film First Man – Il Primo Uomo, la storia dell’allunaggio con Ryan Gosling nei panni di Neil Armstrong, è finalmente su SKY Cinema ed ha ricevuto numerosi riconoscimenti dalla critica in questi mesi. Peccato che nessuno di questi riconoscimenti abbiano riguardato l’attore protagonista. Gosling, anche nei panni dell’eroe americano, si conferma un ottimo attore, capace di grandi interpretazioni.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.