Alcuni chiarimenti su TuTuApp in Italia, lo store alternativo per iOS e Android

Affrontiamo in modo consapevole un mondo che richiede delle precisazioni in questo periodo

6
CONDIVISIONI

Si parla tanto in questo periodo di TuTuApp in Italia, un trend che va analizzato con grande attenzione in un particolare momento storico per gli utenti Android ed iOS. Si tratta di una sorta di alternativa a Cydia, in fase di involuzione soprattutto pensando alla questione jailbreak, come avrete percepito attraverso uno dei nostri ultimi recap di fine 2018. Cerchiamo dunque di capire come stiano le cose per gli utenti, con relativi avvertimenti prima di tuffarsi in questo mondo.

Diciamolo subito. TuTuApp è uno store alternativo utilizzato da gran parte degli utenti per scaricare app craccate. In questo modo, anche quelle a pagamento risulteranno gratuite, con il vantaggio di non dover puntare sul jailbreak per avere accesso ad un universo simile, senza dimenticare che qui troverete anche le applicazioni prive delle certificazioni che ad esempio sono previste da Apple. Insomma, come avrete intuito, ci sono vantaggi e svantaggi per tutti.

Il punto debole di TuTuApp, oltre che etico, visto che state andando contro il regolamento concepito per il vostro store di riferimento, consiste in bassi standard di sicurezza. Chi decide di entrarci lo fa a proprio rischio e pericolo, ben consapevole dei rischi ai quali si va incontro scaricando app di questo tipo. Senza conoscere al meglio le loro origini. Ecco perché l’invito è quello di fare molta attenzione, magari analizzando i riscontri di altre persone prima di procedere.

Ovviamente decliniamo ogni responsabilità da eventuali problemi ai quali potreste andare incontro una volta testato TuTuApp. Il nostro resta un contributo informativo, in modo da darvi qualche dritta preliminare nel caso in cui abbiate deciso di accettare tutti i potenziali pericoli connessi ad un ambiente di questo tipo. Che ne pensate? Commentate pure qui di seguito.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.