Il desiderio di Tiziano Ferro con Buona (Cattiva) Sorte: “Tornare a cantare senza sovrastrutture mentali, senza aspettative”

Canta Buona (Cattiva) Sorte e condivide con i fan il bisogno di tornare a cantare in un modo che lo soddisfi davvero.

38
CONDIVISIONI

Tiziano Ferro esprime un desiderio sulle note del nuovo singolo, Buona (Cattiva) Sorte: tornare a cantare con l’allegria e l’impazienza di quando era adolescente.

La musica per Tiziano Ferro era un sogno da realizzare. Dalle prime canzoni scritte e registrate in cameretta, a Latina, al successo mondiale con tuo negli stadi italiani, sono trascorsi lunghi anni di lavoro intenso e di traguardi raggiunti con talento ed impegno.
Lo scorso 31 maggio ha rilasciato il nuovo singolo, Buona (Cattiva) Sorte, che anticipa l’album Accetto Miracoli, in programma per il prossimo 22 novembre.

Una canzone insolita, se si pensa agli ultimi anni della discografia di Tiziano Ferro. Un brano che ci porta indietro nel tempo e che si avvicina molto di più al primo Tiziano, se così possiamo definirlo, quello di Rosso Relativo.
La produzione internazionale di Timbaland c’è e si sente forte chiaro a discapito della ballatona pop che ci saremmo aspettati ma che in effetti sarebbe stata fuori tempo e fuori8 contesto: d’estate si esce così, lo vuole il mercato, lo vuole la radio.

Buona (Cattiva) Sorte è la canzone italiana più trasmessa in radio e Tiziano Ferro ne è pienamente soddisfatto. Con un video sui social condivide una riflessione su se stesso e sul suo percorso, sull’esigenza di tornare a fare qualcosa per sé senza aspettative, solo con tanto entusiasmo, quello degli esordi!

“Probabilmente ho solo bisogno di tornare a cantare con l’allegria e l’impazienza di quando ero adolescente, senza troppe sovrastrutture mentali, senza troppe aspettative, solo entusiasmo. Non sono lontano”.

Nel frattempo ha annunciato una diretta Instagram per domenica 16 giugno e le date della tournée 2020 negli stadi italiani (scopri tutte le date!)

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.