All in sulla fotocamera per il Samsung Galaxy S11: previsto il salto di qualità

Informazioni e indiscrezioni utili per capire come potrebbero cambiare le cose nei prossimi mesi

53
CONDIVISIONI

Mancano ancora diversi mesi alla presentazione del nuovo Samsung Galaxy S11, top di gamma Android che sicuramente andrà a condizionare la prima metà del 2020. Al momento sono frammentarie le notizie riguardanti le linee guida sui suoi punti di forza, ma qualche anticipazione oggi 29 maggio ci è arrivata direttamente da Ice Universe. Nulla di ufficiale, è ovvio, ma alcuni elementi sui quali possiamo soffermarci li abbiamo già dopo i rumors dei giorni scorsi.

Ad esempio, la fonte in questione su Twitter ci dice buona parte dell’investimento hardware per il Samsung Galaxy S11, al fine di migliorarlo in modo sensibile rispetto al Galaxy S10 che tanto bene sta facendo sul fronte vendite, sarà proprio quello della fotocamera. Non ci sono specifiche tecniche precise da portare alla vostra attenzione, ma sono insistenti le indiscrezioni che vedono il top di gamma dotato di un sensore più grande. Proprio questo presupposto potrebbe creare i giusti presupposti per un consistente passo in avanti.

Una svolta preliminare potremmo averla qualche mese prima con il Samsung Galaxy Note 10, considerando il fatto che a detta della stessa fonte ci sarà anche qui un forte intervento nel tentativo di migliorare in modo significativo la fotocamera. Si parla a tal proposito di un sensore CMOS da 1/2.55 pollici. Sono solo indiscrezioni quelle trapelate in Rete a fine maggio, come riportato in precedenza, ma l’indirizzo sullo sviluppo dei prossimi top di gamma coreani sembra essere molto chiaro in questa fase.

Insomma, attenzione massima a brevetti e rumors in arrivo nel corso delle prossime settimane, almeno per quanto riguarda futuri top di gamma come il Samsung Galaxy S11 ed il Note 10, soprattutto se a parlare sono fonti diventate autorevoli come Ice Universe secondo quanto trapelato fino ad oggi.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.