Detta già legge il Samsung Galaxy S11: buoni i presupposti

Possibile design full-screen per il Samsung Galaxy S11, senza ricorrere a notch e fori

11
CONDIVISIONI

Ieri vi avevamo parlato della possibilità che al Samsung Galaxy S11 sarebbe stato dato il nome in codice ‘Picasso’, per dare continuità alla saga artistica già propiziata con il Note 10. Le indiscrezioni odierne sono ancor più succulente, potendoci un attimo addentrare di più in quello che poi a conti fatti sarà il prossimo top di gamma 2020.

Stando agli ultimi rumors, il Samsung Galaxy S11 adotterà un design full-screen, includendo la fotocamera frontale direttamente sotto il panello, così da evitare il foro che ha contraddistinto la linea dei Galaxy S10. Nel caso in cui il produttore asiatico non dovesse riuscire ad implementare per tempo la soluzione, il Samsung Galaxy S11 tornerebbe a proporre il classico foro nel display, ma dalle dimensioni più piccole rispetto a quello dell’attuale ammiraglia.

Ricordiamo pure che l’OEM sudcoreana è a lavoro alla realizzazione di un processore prodotto con tecnologia a 5 nm, anche se è presto per affermare con certezza il SoC debutterà con la line-up dei Galaxy S in programma per il prossimo anno. Una cosa possiamo ribadirvela: l’azienda farà di tutto per sfruttare la crisi che sta attraversando Huawei in questo momento, bannata dal governo USA per esplicita disposizione del presidente Trump. La situazione relativa al produttore cinese è ancora nebulosa: nonostante la proroga concessagli fino ad agosto 2019 per la distribuzione di aggiornamenti e servizi relativi al Play Store, non sappiamo ancora se lo strappo con Google verrà o meno ricucito in qualche modo.

Nel frattempo da Seul non resteranno di certo a guardare, dando potenzialmente il meglio di sé proprio con il Samsung Galaxy S11 (sempre se sarà questo il nome del prossimo top di gamma, essendo girate diverse voci nel recente passato che davano per conclusa la serie dei Galaxy S con gli attuali flagship).

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.