Guida A Plague Tale Innocence: come sconfiggere tutti e tre i boss del gioco

L'opera di Asobo Studio ha i colori delle tele dei Maestri Fiamminghi e la cupa potenza narrativa dei Fratelli Grimm. E ben tre boss su cui avere la meglio!

3
CONDIVISIONI

A Plague Tale Innocence è un gioco sorprendente. Non solo perché il piccolo team di sviluppo Asobo Studio è riuscito a confezionare un titolo che non ha nulla da invidiare alle grandi produzioni “tripla A”, ma anche perché ci catapulta in un’ambientazione tanto inusuale quanto affascinante. Per un videogame che, tra la guerra e la Peste Nera nella Francia medievale, lascia spazio all’orrore e alla disperazione di un crescendo narrativo evidentemente drammatico. Trattandosi di un’esperienza incentrata fortemente sulla trama e sulle componenti stealth, poi, l’avventura di Amicia e di suo fratello Hugo presenta solo tre scontri con i boss, vale a dire nemici più forti e pericolosi di quelli standard.

Ecco perché ho ben pensato di mettere nero su bianco una guida dedicata proprio ai tre boss di A Plague Tale Innocence, in cui vi spiego quali strategie ho utilizzato per eliminarli senza troppi patemi d’animo. Il primo boss che sarete chiamati ad affrontare è Conrad, una guardia corazzata che incontrerete nel terzo capitolo del gioco, Rappresaglia. Inizialmente vi attaccherà con fendenti caricati e lenti, dunque cercate di farlo avvicinare e premere poi il tasto Cerchio o B per schivare, così da far bloccare il boss a terra. A questo punto, avrete a disposizione pochissimi secondi per armarvi di fionda, andare alle sue spalle e attaccarlo con una pietra, stando bene attenti di colpirlo quando l’indicatore a schermo è giallo. Dovrete colpirlo più volte, fino a rimuovere la sua armatura completamente, per poi ucciderlo con un colpo in testa.

Il secondo boss di A Plague Tale Innocence è Nicholas, che dovrete affrontare nel capitolo 15 intitolato Ricordo. Il nemico è armato con uno spadone molto affilato, che può uccidervi in un solo colpo. Lo scontro avverrà nei pressi di un castello abbandonato ed in tre fasi, dunque per avere la meglio dovrete necessariamente colpirlo tre volte. In tutte le fasi dovrete nascondervi ed utilizzare la fionda e le munizioni ad acqua per spegnere i fuochi, cosi facendo attirerete i topi verso il boss, il quale riuscirà a cavarsela per ben due volte. La seconda volta incendierà addirittura la sua spada, dunque dovrete spegnere anche quella con la vostra fionda, per una battaglia di certo più impegnativa di quella precedente. Nella fase finale, a prendere fuoco è la sua intera armatura, da spegnere sempre senza farvi vedere per metterlo finalmente K.O. grazie all’ausilio dei famelici roditori. Dopo la terza volta che avrete attirato i topi su di lui, Nicholas soccomberà dandovi la possibilità di proseguire al capitolo successivo.

Il terzo ed ultimo boss con cui avrete a che fare in A Plague Tale Innocence è un volto conosciuto nelle prime fasi dell’avventura, e che risponde al nome di Vitalis. Anche la battaglia del capitolo 16 con il Grande Inquisitore si suddivide in tre fasi. Nella prima fase dello scontro dovrete evitare di essere sopraffatti da alcune colonne di ratti bianchi, per immediatamente ordinare al piccolo Hugo di mandare dei ratti neri contro il boss. Colpitelo subito con una pietra ora che le sue difese sono abbassate. Il mio consiglio è quello di fuggire nelle zone laterali rispetto all’avversario, in modo da permettere a Hugo di inviare i suoi ratti neri senza essere ostacolato da quelli bianchi. Nella seconda fase dovrete evitare anche i ratti che appariranno dal sottosuolo, spostatevi per tempo tenendo d’occhio l’indicatore nel terreno. Vitalis, poi, accenderà un focolare davanti a lui, quindi assicuratevi di munirvi della munizione ad acqua per spegnere il fuoco ed ordinare a Hugo di intervenire, per poter colpire il boss con la pietra. Nella terza fase, il Grande Inquisitore di A Plague Tale Innocence cercherà di fermarvi inviandovi contro numerosi ratti bianchi, accendendo due focolari e attaccandovi quasi senza sosta. Dovrete pertanto essere molto rapidi per evitare gli attacchi, spegnere i fuochi, ordinare a Hugo di intervenire e dare il colpo di grazia al boss finale.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.