Unsainted degli Slipknot è il tormento religioso con l’esorcismo del metal-gore (video, testo e traduzione)

La band di Corey Taylor ritorna con nuove maschere e ci prepara al prossimo album in uscita il 9 agosto

6
CONDIVISIONI

Unsainted degli Slipknot arriva dopo mesi di sudore, ma non parliamo delle ascelle pezzate di Corey Taylor e soci. Dopo un teaser inquietante, un dettaglio delle nuove maschere comparso sui social e la battaglia legale inaugurata da Chris Fehn per avere più chiarezza sulle royalties da spartire con la band, l’anticipazione dell’album “We are not your kind” (che troveremo su tutte le piattaforme a partire dal 9 agosto) è arrivata.

Il video diretto da Shawn Crahan si apre con il volto di un’anziana e di un viso coperto da un velo. Poi arriva un coro che intona una sequenza di note, poi troviamo Corey Taylor di spalle. Non ha i capelli raccolti da un copricapo: i suoi capelli lunghi sono sciolti e, prima che tutto esploda, riprende le note del coro iniziale e le trasforma in parole. Tutto il resto è metal-gore, il genere che ha reso gli Slipknot una delle realtà più interessanti degli ultimi vent’anni. Le loro maschere sono sempre oggetto di scommessa, e nel video di Unsainted li troviamo rinnovati, potenti e maledetti come sempre.

Le parole si spostano tra riflessioni religiose e rivendicazioni, con un Corey Taylor che volge lo sguardo a Dio ma con Satana nel cuore: «Appigliati al Diavolo e tieni gli occhi sulla strada, raggiungi la mano di Dio». Un’apostasia che sa di confessione? C’è chi dice che Corey Taylor stia parlando della sua depressione con tutta la rabbia che il suo stile comporta, e ciò è reso plausibile dal fatto che il frontman, negli ultimi tempi, sia tornato spesso sull’argomento.

Secondo il testo, qualcuno o qualcosa lo ha “desantificato”, e per questo ci ritroviamo con un brano che ci trattiene in un limbo disturbante con tutta la band nascosta in divise nere che ricordano i travestimenti adottati durante i riti più macabri che la storia ricorda. Eppure, si sa, parliamo degli Slipknot, decisamente avvezzi a raccontare le cose oscure e macabre dell’animo umano.

Unsainted degli Slipknot è il ritorno di una band che non delude le attese, o meglio, che non sa proprio come si possa deludere.

TESTO

Oh, I’ll never kill myself to save my soul/I was gone but how was I to know?
I didn’t come this far to sink so low/I’m finally holding on to letting go

I’m just weathering a rough patch… another villain with an itch to scratch
Denial is the darkest when you live in a hole
Why does the Hell make you feel so cold?
Make a move and you pay for it/Pick a Lord and you pray to it
You’re so demanding when you want the truth, but your stories don’t read for me
Oh, I’ll never kill myself to save my soul/I was gone but how was I to know?
I didn’t come this far to sink so low/I’m finally holding on to letting go

Indecision Overload/Keep a buckle on the Devil and your eyes on the road
Reaching out for the hand of God, but did you Think- You’d- Shake- Your- Own?
This Killing Field is all grown over- the Motherfu**er wants it wild
Go sew your oats in alphabetical order/the Anti-Antagonist is back- in- style
MYOPIC/Cannot See Straight/DYSTOPIC/One Sin Too Late
You got to lie if you want to believe, but your Bibles don’t work on me
Oh, I’ll never kill myself to save my soul/I was gone but how was I to know?
I didn’t come this far to sink so low/I’m finally holding on to letting… GO

Did you think you could win? And fill me in?
Did you think you could do it again? I’m not your sin
I was all that you wanted and more- but you didn’t want me
I was more than you thought I could be
So I’m setting you free- I’m setting you free

You’ve Killed The Saint In Me
How Dare You Martyr Me
You’ve Killed The Saint In Me

Oh, I’ll never kill myself to save my soul/I was gone but how was I to know?
I didn’t come this far to sink so low/I’m finally holding on to letting go

You’ve Killed The Saint In Me/How Dare You Martyr Me
You’ve Killed The Saint In Me/How Dare You Martyr Me

TRADUZIONE

Oh, non mi sono mai ucciso per salvarmi l’anima/Ero sparito, ma come potevo saperlo?
Non sono arrivato così lontano per affondare così in basso/Mi sto trattenendo, finalmente, per non lasciarmi andare.

Sto solo facendo un brutto colpo… un altro fastidioso prurito da grattare.
Negare diventa la cosa più oscura, quando vivi in un fosso,
perché fa così freddo all’Inferno?
Fai un movimento e per questo paghi/Prendi un Dio e lo preghi.
Sei esigente quando chiedi verità, ma le tue storie non mi ricambiano.

Oh, non mi sono mai ucciso per salvarmi l’anima/Ero sparito, ma come potevo saperlo?
Non sono arrivato così lontano per affondare così in basso/Mi sto trattenendo, finalmente, per non lasciarmi andare.

Sovraccarico di indecisione/Appigliati al Diavolo guarda la strada,
raggiungendo la mano di Dio, mai hai pensato che resteresti sconvolto?
Questo teatro del massacro è cresciuto troppo, il figlio di p***ana lo vuole più che mai,
cuci i semi in ordine alfabetico, l’Anti-Antagonista è tornato in grande stile.
Miope, non vede dinanzi a sé, Distopico, un peccato tardivo.
Se vuoi credere devi mentire, ma le vostre Bibbie non funzionano con me.

Oh, non mi sono mai ucciso per salvarmi l’anima/Ero sparito, ma come potevo saperlo?
Non sono arrivato così lontano per affondare così in basso/Mi sto trattenendo, finalmente, per non lasciarmi andare.

Pensi di poter vincere? Di riempirmi?
Pensi di poterlo fare di nuovo? Non sono il tuo peccato.
Ero tutto ciò che volevi, e di più, ma non mi volevi.
Ero più di ciò che credevi io fossi,
dunque ti lascerò libera, ti lascerò libera.

Hai ucciso il Santo in me,
come hai osato martirizzarmi?
Hai ucciso il Santo in me.

Oh, non mi sono mai ucciso per salvarmi l’anima/Ero sparito, ma come potevo saperlo?
Non sono arrivato così lontano per affondare così in basso/Mi sto trattenendo, finalmente, per non lasciarmi andare.

Hai ucciso il Santo in me/Come hai osato martirizzarmi?
Hai ucciso il Santo in me/Come hai osato martirizzarmi?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.