Il ballo di Mick Jagger dopo l’intervento in un video girato durante le prove

Il rocker 75enne si sta già preparando per il palco

16
CONDIVISIONI

Se un tempo erano voci e indiscrezioni, oggi sono fatti: il video del ballo di Mick Jagger ripreso durante le prove sta spopolando in rete e ci dice che l’immortale frontman dei Rolling Stones, dopo l’intervento al cuore, è in splendida forma. Nel mese di marzo la band di Gimme Shelter aveva dovuto annullare il tour a seguito dei problemi di salute di Jagger. Il cantante britannico, infatti, si era dovuto sottoporre alla sostituzione di una valvola cardiaca e, per rispondere alla preoccupazione dei fan, Drudge Report aveva riferito che il tasso di successo dell’intervento era pari al 95% e Mick Jagger, nonostante i suoi 75 anni, aveva una fibra forte.

L’intervento, infatti, è riuscito alla perfezione e la stessa voce di Paint It Blackaveva pubblicato una foto su Instagram nella quale si mostrava a passeggio nel parco pochi giorni dopo l’intervento, sorridente e in forze. Durante i giorni del ricovero il fratello Chris aveva comunicato che la rockstar aveva solamente bisogno di un po’ di riposo, e alle voci rassicuranti si era unita quella di Ronnie Wood, secondo chitarrista dei Rolling Stones, che in un’intervista a Hello Magazine aveva dichiarato: «Sta benone, si sente in forma».

Il video del ballo di Mick Jagger, che si guarda allo specchio mentre intona una canzone muovendo dei passi, è comparso nelle ultime ore sull’account Twitter ufficiale del cantante e lancia un messaggio chiaro: sta provando per il “No Filter Tour” che la band aveva posticipato per dargli il tempo di riprendersi. Buone notizie, dunque, per i fan degli immortali e per tutto il mondo del rock: il frontman dei Rolling Stones sta davvero bene ed è pieno di energia.

Nel video del ballo di Mick Jagger possiamo vedere il rocker 75enne in tenuta ginnica mentre salta e ondeggia, proprio come se fosse su un palco.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.