Rimborsi per i Samsung Galaxy Fold non venduti, le cose andranno davvero per le lunghe?

Il produttore non può assicurare la vendita imminente, dunque propone il risarcimento ai suoi clienti

7
CONDIVISIONI

Immobilismo totale per la prossima uscita del Samsung Galaxy Fold, lo smartphone pieghevole protagonista di uno stop alle vendite alla vigilia della sua commercializzazione negli Stati Uniti ma anche in Europa e dunque in Italia. Sulle spedizione degli innovativi device, il produttore si era detto pronto a dare  nuove notizie nelle prossime settimane e questo (oramai) all’incirca 15 giorni fa. Da allora nulla è successo, anzi, le ultime missive inviate dall’azienda ai primi utenti che hanno effettuato una prenotazione del device non lasciano neanche ben sperare.

I preordini del Samsung Galaxy Fold, lo ricordiamo, erano partiti dapprima negli Stati Uniti e i primi esemplari sarebbero dovuti essere consegnati il giorno 26 aprile (tra l’altro appuntamento pensato invece per il via alle prenotazioni invece in Italia e in tutto il vecchio continente). Il blocco alla commercializzazione è giunto giusto prima della distribuzione dei device oltreoceano, ossia nel momento in cui già in molti si erano accaparrati la loro personale unità di smartphone pieghevole. Proprio a questi ultimi, l’azienda sta inviando in queste ore una mail (riportata anche dalla fonte SamMobile) in cui la richiesta è ben chiara: i potenziali acquirenti sono davvero intenzionati a mantenere la loro prenotazione o magari preferiscono rinunciare al loro device e dunque ottenerne un rimborso?

La mail elettronica inviata da Samsung ai primi clienti a caccia di Samsung Galaxy Fold fa riflettere e non poco per i suoi “termini temporali”. La richiesta precisa è di confermare o meno la propria volontà all’acquisto del Samsung Galaxy Fold non oltre il 31 maggio. Chiunque non farà nulla entro tale data, vedrà annullato il suo ordine e potrà ricevere comunque l’eventuale rimborso della spesa già affrontata. Al contrario, chi fin da subito ha deciso di non fidarsi più della portata tecnologia del nuovo device, potrà procedere subito ad una richiesta di risarcimento o, al contrario, decidere di attendere le dovute verifiche per il lancio effettivo del device.

Sul fatto che si potrebbe dover attendere e non poco per la nuova uscita del Samsung Galaxy Fold ci siamo già soffermati. Considerando pure la data limite della conferma della prenotazione per lo smartphone del 31 maggio, sembra ancora di più prendere piede l’ipotesi che il lancio del device non avverrà neanche a giugno e dunque verrà concretizzato solo nella seconda parte del 2019.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.