Non uno, ma tre OnePlus 7: possibili varianti Pro e Pro 5G

Potrebbero essere tre i OnePlus 7 ad essere presentati nel mese di maggio: le ultime indicazioni

2
CONDIVISIONI

Potrebbero essere tre i modelli a comporre la linea del prossimo OnePlus 7, almeno secondo le indicazioni del giovane informatore Ishan Agarwal (preso in gran considerazione nel giro). Ci sarà una versione standard, una Pro (vi avevamo parlato di questa possibilità anche nella giornata di ieri) ed una terza Pro 5G. Il leaker ne ha condiviso anche gli eventuali numeri di serie:

“OnePlus 7: GM1901, GM1903, GM1905
OnePlus 7 Pro: GM1911, GM1913, GM1915, GM1917
OnePlus 7 Pro 5G: GM1920″.

L’informatore, per correttezza, ci tiene a precisare che non è detto tutti i modelli sopra citati vengano poi effettivamente lanciati (alcuni potrebbero essere destinati al settore ricerca e sviluppo). Non c’è da preoccuparsi sull’icona raffigurativa, che esibisce il OnePlus 6T: l’immagine verrà poi aggiornata a tempo debito, quando le cose risulteranno mature abbastanza. Il tweet riporta altri dettagli degni di nota: display Super Optic da 6.67 pollici con curvature ai lati, Android 9.0 Pie, 8GB di RAM, 256GB di memoria interna, tripla fotocamera posteriore da 48 + 16 + 8MP.

Una serie di dispositivi non soltanto belli, ma anche parecchio potenti e funzionali quella che sta per affacciarsi sulla scena mondiale (il OnePlus 7 è atteso per il mese di maggio, manca poco alla sua presentazione). Come vi dicevamo, non è sicuro che tutti e tre i modelli siano confermati, ma ci sono buone probabilità che le cose andranno proprio in questo modo. C’è ancora molto da ragionare su questo prossimo flagship killer, mai agguerrito come adesso (il produttore cinese vorrà approfittare dell’incremento di prezzo applicato dalla concorrenza nella stagione corrente, sferrando il colpo del KO definitivo per provvare ad inserirsi in pianta stabile nei primi posti al mondo).

Vi sareste mai aspettati di veder lanciati tre modelli diversi del OnePlus 7? Noi ne avremmo contati al massimo due, tenendo conto della versione 5G, pure prevista quest’anno per l’imminente cambio al vertice delle infrastrutture di rete, che aspettano un ammodernamento impiantistico che conoscerà un salto decisivo proprio in questi mesi. Vedremo se la questione verrà o meno confermata, a giorni ne sapremo di più.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.