Don Joe feat. Jake La Furia e Marracash in F.A.K.E., autocelebrazione pura in chiave rap (testo e audio)

Tre dei più apprezzati esponenti del mondo rap insieme nel singolo F.A.K.E.

Don Joe feat. Jake La Furia e Marracash in F.A.K.E., il nuovo singolo che unisce tre degli esponenti del mondo rap più apprezzati del momento. Il brano nasce dall’idea di Don Joe, produttore dj multiplatino, che coinvolge nel brano due eccellenze del rap: Jake La Furia e Marracash.

Il risultato è un brano in piena chiave rap, un’autocelebrazione in grande stile il cui titolo stesso fa riferimento al trio protagonista del brano. Nel pezzo vengono tirati in causa personalità di rilievo quali Paolo Bonolis, Silvio Berlusconi e Dolce e Gabbana nell’episodio delle scuse dei due stilisti alla popolazione cinese.

Non mancano riferimenti alla propria persona, come nella maggior parte delle canzoni rap. F.A.K.E, riguarda infatti (anche) il non essere uno del trio, ovvero un artista “puro” del rap come Don Joe, Jake La Furia e Marracash. Non mancano riferimenti al sesso e ai soldi, come consuetudine, né alle donne che intendono sfruttare il conto in banca dei suddetti o la loro popolarità, etichettate in rime poco piacevoli. La critica alla società e a tutto ciò che ci circonda non rappresenta certo una novità e di nuovo infatti in F.A.K.E. c’è solo la collaborazione a tre.

Il testo si chiude con l’autocelebrazione più palese di sempre sintetizzata in due righe che si ripetono nella canzone: “Non sei Don, non sei Marra, né Jake, fake fake fake”. Se non sei Don Joe, Jake La Furia e Marracash sei un fake di poco valore.

Di seguito testo e audio di F.A.K.E.

TESTO

Sono un errore di nostro Signore
Qui per le strade d’inchiostro si muore
Barre più mogano e smoking, roba per pochi
Odore di droga e di fiore
Fra’, di mestiere ancora spacco casse
Demetrio Stratos
Culto immortale, Fender Stratocaster
Vintage come le panette in cassette
Prese da Blockbuster
Scorre come fosse Nivea
Fiumi di bianca, crema di Bolivia
Giovani Berlusconi senza alternativa
Senza tasse, anticipo dell’IVA
Frate’, La Furia manipola il ferro
Magneto, Fassbender
Barre che vi rimescolano il gender
Per tutti quelli che stanno in manette
Dietro ad un Defender
Tu che parli di strada sei fake
Con bracciale e collana, ma fake
La tua gang, il tuo cash, la tua babe
Fake, fake, fake, fake
Chiedi scusa ai due rapper più pesi
Come Dolce & Gabbana ai cinesi
Non sei Don, non sei Marra, né Jake
Fake, fake, fake, fake
Allo specchio sono ciò che sembro
Ho dato primo bacio al pavimento
Tu stai attento che da dove vengo
Le minchiate se le porta il vento
Tu che parli di strada sei fake
Con bracciale e collana, ma fake
La tua gang, il tuo cash, la tua babe
Fake, fake, fake, fake

Ogni giorno fra prendo una medicina
Si chiama “fottersene”
E se fosse per me
Avrei chiuso già i social media
Mi sento in colpa perché sfamo bocche col rap
E lo devo alla mia famiglia
Pensavo di stare con lei
Ma lei invece stava con iban
(Ma vedi tu ‘sta pu**ana di mer*a)
“Marra è pazzo, Marra è pazzo
Tre anni che non butti un caz*o fuori”
Ma visto l’andazzo
Sto parlando ad un pupazzo
Come faceva Bonolis, yeah
Sono ancora acceso, frate’
Basta muovere la brace
Ma per vincere la guerra
Devi perdere la pace
Gioco in casa, non mi serve il Viagra
Ma una pillola per farmelo ammosciare
So che Pac-Man scappa dal fantasma
Ma che prima o poi si devono incontrare

Sono qui, sono in forma
So che aspetti il mio ritorno (il mio ritorno)
Marra, dai, rimetti tutti a posto
Manco fossi Marie Kondo

Tu che parli di strada sei fake
Con bracciale e collana, ma fake
La tua gang, il tuo cash, la tua babe
Fake, fake, fake, fake
Chiedi scusa ai due rapper più pesi
Come Dolce & Gabbana ai cinesi
Non sei Don, non sei Marra, né Jake
Fake, fake, fake, fake
Allo specchio sono ciò che sembro
Ho dato primo bacio al pavimento
Tu stai attento che da dove vengo
Le minchiate se le porta il vento
Tu che parli di strada sei fake
Con bracciale e collana, ma fake
Non sei Don, non sei Marra, né Jake
Fake, fake, fake, fake

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.