Audio, testo e traduzione di Vaseme di Arisa, la cover colonna sonora del film Napoli Velata di Ferzan Ozpetek

La cover Vaseme di Arisa, colonna sonora del film Napoli Velata di Ferzan Ozpetek, è in rotazione radiofonica dal 29 dicembre: ecco audio, testo e traduzione

12
CONDIVISIONI

La cover di Vasame di Arisa, brano scritto da Enzo Gragnaniello e reinterpretato dalla cantautrice potentina per Napoli Velata, è la traccia principale della colonna sonora del nuovo film di Ferzan Özpetek, che ha debuttato nelle sale il 28 dicembre.

Il giorno dopo il debutto nei cinema, Vaseme di Arisa è diventato un singolo scaricabile su iTunes e disponibile in streaming su Spotify: il brano, entrato in rotazione radiofonica in concomitanza con l’arrivo del film nelle sale, accompagna anche il trailer del thriller con protagonisti Giovanna Mezzogiorno e Alessandro Borghi.

Un’interpretazione intensa quella di Arisa, che ha accettato con entusiasmo di interpretare questo brano “viscerale, accorato e graffiante” in dialetto napoletano: “Sono rapita dai misteri di Napoli, dalla cultura passionale di questo popolo senza tempo – ha dichiarato la cantante presentando il progetto – e amo da sempre l’arte di Ferzan Özpetek che ringrazio infinitamente“.

Dal 12 gennaio la colonna sonora originale del film, prodotta da Fenix Entertainment e Warner Chappell Music Italiana, sarà distribuita da Believe Digital in tutti i negozi e disponibile per il download.

Buongiorno, ho un link in bio per voi???? #instapip #napolivelata #vasame

Un post condiviso da Arisa (@arisamusic) in data:

Ecco audio, testo e traduzione di Vaseme di Arisa.

Io vuless addiventà n’albero ‘e rose
Pe te fa sentì l’addor e chist ammor
Io vuless addiventà nu poc e sol
Pe te fa sentí o’calore e chistu ben.
Io vuless addiventà nu poc e vient
Pe trasì p’a forza rint ‘a bocca toia,
Io vuless addiventà comm o’silenzio
Per putè sentì tutt ‘e respiri tuoie.
Vasame, pe’ chesta vota vasame
Crideme, po’ nun te cerco chiù.
Io vuless addiventà pullin ‘e vas
Per putè cadè ngopp ‘e capill tuoie
Io vuless addiventà

Vorrei diventare un albero di rose
Per farti sentire l’odore di questo amore
Vorrei diventare un po’ di sole
per farti sentire il calore di questo bene.
Vorrei diventare un po’ di vento
per entrare con forza nella tua bocca
Vorrei diventare come il silenzio
per poter sentire tutti i respiri tuoi.
Baciami, per questa volta baciami
Credimi, poi non ti cerco più.
Io vorrei diventare polline di bacio
per poter cadere sui tuoi capelli
io vorrei diventare.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.