Notizia bomba per LG G4 in Italia: ufficiale l’aggiornamento Nougat, ecco i tempi di rilascio

LG Italia conferma l'aggiornamento ad Android Nougat per LG G4, utenti accontentati (in parte)

7
CONDIVISIONI

La ruota della fortuna ruota a favore di LG G4 in relazione al suo prossimo aggiornamento del sistema operativo ad Android Nougat 7.0, confermato dal produttore in una nota ufficiale. L’ex top di gamma 2015, ancora molto apprezzato, non verrà abbandonato dall’OEM, così com’era stato ipotizzato in tempi non sospetti, ma accogliere l’upgrade, con buona pace dei suoi possessori.

Ormai non ci sono più dubbi, possiamo dare per scontata la notizia, visto che a darla è stata proprio la divisione italiana, con esplicita menzione di LG G4 e LG V10, device entrati nelle grazie presso gli utenti europei, proprio come specificato nel comunicato ufficiale. Purtroppo però, bisognerà aspettare un bel po’ prima di poter scorgere la notifica di aggiornamento Nougat a bordo di LG G4, dal momento che la distribuzione non sarà avviata prima della seconda metà del 2017 (dopo quanto si era profilato circa l’eventuale cessazione del supporto software, questo ci sembra il male minore, possiamo anche accontentarci).

LG G4 potrà contare su tutte le principali novità introdotte da Big G nella major-release in questione, cosa che dovrebbe già di per sé rincuorare gli utenti (nel frattempo nulla vieta loro di avvalersi delle varie custom ROM già basate sull’aggiornamento Nougat, tra cui spicca la LineageOS, in costante sviluppo e che nell’arco di pochi mesi ha già superato il milione di attivazioni).

Come potete vedere, le soluzioni per continuare a stringere fieramente tra le mani l’LG G4 non mancano di certo, sta solo a voi decidere il come (per il quando ci ha pensato il produttore, cui purtroppo non si poteva comunque chiedere di più). Vi ritenete già soddisfatti così o speravate in un rilascio più repentino (tenendo però presente che stiamo pur sempre parlando di un device del 2015)?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.