Alternative all’aggiornamento Nougat per LG G4: conviene Lineage OS?

Necessario analizzare alternative differenti per portare ugualmente Nougat a bordo del top di gamma 2015. Eccone una

7
CONDIVISIONI

Settimana che si preannuncia ricca di novità per gli utenti che sono in possesso di un LG G4. Come vi ho riportato nella giornata di ieri, infatti, la divisione coreana avrebbe annunciato ad un utente che lo smartphone non riceverà mai l’aggiornamento del sistema operativo Android Nougat, sollevando (come era facilmente prevedibile) un mare di polemiche in giro per il mondo da parte di chi si ritrova con uno smartphone con nemmeno due anni di vita.

In effetti buona parte dei produttori sembra intenzionata a premiare chi ha acquisto top di gamma 2015, come nel caso dei vari Samsung Galaxy S6 in commercio (va detto che Huawei P8 al momento è stato sempre escluso da questo discorso), senza dimenticare il fatto che l’LG G4 dal punto di vista della predisposizione hardware pare realmente avere tutte le carte in regola per sostenere un aggiornamento come Android Nougat.

Detto questo, ad oggi quali sono le ROM più interessanti in circolazione per un device come l’LG G4? La scelta è per forza di cose più limitata rispetto a prodotti più recenti, ma ciò non toglie che ad esempio Lineage OS possa rappresentare un’ottima soluzione sotto questo punto di vista. Attraverso il topic ufficiale, ad esempio, scopriamo tutti i link necessari per portare a termine il download di questo pacchetto software nato sulle ceneri della CyanogenMod.

Tutto sommato lo smartphone funziona bene dopo la sua installazione, ma allo stesso tempo non si escludono bug e piccoli malfunzionamenti che verranno risolti solo con le prossime patch correttive dedicate proprio all’LG G4. E voi l’avete già provata? Quali sono le vostre prime sensazioni a proposito della Lineage OS dopo averla provata a bordo del device? Non esitate a commentare l’articolo di oggi.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.