Oggi 18 aprile l’aggiornamento LG G4 TIM, rilasciato MarshMallow

Ci sono volute settimane, ma finalmente MarshMallow ha raggiunto gli LG G4 TIM

7
CONDIVISIONI

Giornata di svolta oggi per gli LG G4 TIM, che possono toccare con mano l’aggiornamento ad Android 6.0 MarshMallow, seguendo a ruota i no brand ed i brandizzati Vodafone.

Certo, il pacchetto sembra aver dato non pochi problemi per quanto riguarda queste due ultime varianti, specie relativamente al consumo anomalo della batteria. In merito si era espressa con tanto di nota ufficiale la stessa divisione italiana di LG Mobile, affermando che episodi del genere sono all’ordine del giorno in presenza di aggiornamenti tanto importanti, e che non si escludeva l’emergenza potesse rientrare attraverso una serie di cicli di ricarica.

In ogni caso, faceva specie constatare che gli LG G4 TIM fossero ancora fermi ad Android Lollipop visto ormai il periodo in cui siamo (il fatto che sia già uscita la seconda developer preview di Android N per i device della linea Nexus la dice lunga in tal senso). Per fortuna la cosa sembra essersi sbloccata anche per questi esemplari, che possono finalmente essere aggiornati ad Android 6.0 MarshMallow via OTA (Over-The-Air), senza dover passare in via obbligatoria per LG PC Suite. Il pacchetto ha un peso di 880 MB: se intendete scaricarlo subito, vi consigliamo di tenervi ben agganciati ad una rete Wi-Fi stabile e certificata.

Se non avete ancora ricevuto la notifica di aggiornamento a bordo dei vostri LG G4 TIM, non temete: sarà solo questione di giorni prima che il terminale la registri (bisogna dare il giusto tempo ai server di compiere il proprio lavoro). Non abbiate fretta, in fondo avete aspettato tanto: giorno più, giorno meno, non c’è tutta questa differenza. Più che altro, prima di gettarvi a capofitto, fate bene attenzione ai feedback, così da capire se conviene realmente aggiornare, o tenersi stretto, almeno per il momento, Android Lollipop.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.