Kaley Cuoco solleva un polverone (e non solo!) Video

Kaley Cuoco, l'attrice di The Big Bang Theory, ancora una volta fa parlare di sè ma questa volta non per le scarpe ma perchè si è data al twerking

4
CONDIVISIONI

The Big Bang Theory è in pausa ma Kaley Cuoco no. Messi da parte i panni della bella Penny, attualmente moglie di Leonard, la bella biondina ha avuto modo di far parlare ancora di sè.

Chi la segue e ci segue sa bene che nei giorni scorsi la bella Kaley ha alzato un polverone con il suo look agli ultimi Golden Globes 2016 presentandosi con scarpe basse e poco da cerimonia, diciamo così, ma in queste ore si è ripetuta e superata.

Tranquilli, questa volta non stiamo parlando del suo armadio o delle sue scarpe ormai prevalentemente a livello suolo, ma di qualcosa che, siamo sicuri, ha scosso i suoi fan in tutto il mondo. Il video che potrebbe diventare virale, è di quelli che fanno il giro del mondo in pochi minuti altro che 80 giorni!

Ma cosa avrà combinato la nostra Kaley Cuoco vi starete chiedendo? Eccovi accontentati. L’attrice ha partecipato ad un puntata di Lip Sync Battle e si è scontrata sul palco, a suon di rap (e non solo) con Josh Gad. La sua perfomance è ben lontana da quelle a cui ci ha abituato nella comedy CBS ma non per questo meno efficace.

Addominali, da fare invidia, in bella mostra, pantaloncini di jeans corti, toppino nero e camicia di flanella rosa e viola legata alla vita, Kaley Cuoco ha ballato e twerkato alla grande!

Niente da dire per il suo fisico e nemmeno per le sue movenze che ha fatto andare in tilt il pubblico presente che ha accolto il suo passo di “danza” quasi con una standing ovation.

Ecco qui il video della performance, che siamo certi, non dimenticheremo presto:

La vedremo ballare anche nei prossimi episodi di The Big Bang Theory? Dovremo attendere per scoprirlo visto che la serie è in pausa fino al prossimo 4 Febbraio quando tornerà con l’episodio numero 14.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.