Numa e Phil Palmer insieme in “Noi siamo Amore”, versione italiana di Promised Land. Video intervista

La Mostra Rock in corso al Pan di Napoli continua a colorarsi di interventi musicali stimolanti. Questa volta tocca a Numa, cantante e compagna di vita di Phil Palmer.

18
CONDIVISIONI

Numa, cantante e compagna di vita di un mostro sacro della chitarra rock, Phil Palmer, ci ha raccontato Promised Land, brano scritto da Phil Palmer e Paul Bliss circa vent’anni fa e rivisitato, oggi, dalla stessa Numa insieme al compagno chitarrista.
Alla ricerca di una musicalità ed un testo che potessero supportare i popoli in fuga da guerre e catastrofi i due artisti hanno visto in Promise Land un inno alla libertà e al supporto ai più deboli.
La rivoluzione umana nel senso più pacifico, l’onda positiva del cambiamento risiede dentro ognuno di noi; è solo quando ci attiveremo per cambiare in meglio la realtà che le cose brutte del mondo potranno essere cambiate.

“Sii la rivoluzione che vorresti vedere intorno a te” era il messaggio pacifico di Gandhi, messaggio che torna nel testo di Promise Land.
Renato Zero ha curato la versione italiana del brano che è diventata “Noi siamo amore”. Un titolo che commuove, racconta Numa, in quanto sintesi della vera essenza dell’uomo sulla terra.
Luca Bizzi e Marco Bureschi hanno invece realizzato il video di questo brano di cui anticipiamo qualche momento.

L’incontro con Numa è avvenuto al Pan di Napoli dove, lo ricordiamo, fino al 19 luglio è in corso la Mostra Rock interamente dedicata a Pino Daniele.
Avevamo già incontrato Numa insieme a Phil Palmer sempre al Pan.
Ed al compianto cantante napoletano è dedicata anche la nostra iniziativa che mette in palio l’intera discografica di Pino in versione digitale o fisica.

Si tratta di Rock4Pino, contest che sta già riscuotendo un grande successo tra i fan. Volete sapere come funziona?
Andate su Rock4Pino e partecipate numerosi.
In bocca al lupo!

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.