Dopo l’HTC One M9, in arrivo HTC Aero: ecco perché si tratterà di un dispositivo top gamma

Secondo @evleaks, il nuovo prodotto dal nome in codice HTC Aero sarà presentato durante il quarto trimestre.

1
CONDIVISIONI

HTC torna sotto i riflettori: dopo avervi anticipato, grazie alle indiscrezioni diffuse da LlabTooFeR, che la commercializzazione del top gamma One M9 + è prevista anche per l’Italia – nel corso terzo trimestre del 2015, il noto leaker Evan Blass (alias Evleaks) ha fornito in mattinata un indizio inerente ad un nuovo smartphone dell’azienda taiwanese.

Leggi anche: HTC One M9+ potrebbe presto arrivare in Italia, i dettagli

Al momento è noto solo il nome in codice e la data di arrivo del prodotto:

HTC Aero arriverà nel quarto trimestre

HTC Aero leaks

HTC Aero leaks

 

Evan Blass non ha fornito ulteriori informazioni, come ad esempio le specifiche tecniche del terminale, quindi non ci resta che prendere il tweet come un semplice rumor, tuttavia verosimile: in tal senso vorrei ricordare le precedenti dichiarazioni dei vertici di HTC che, in occasione dell’assemblea con gli azionisti del 2 giugno scorso, avevano confermato l’arrivo di un nuovo ‘hero product’, un top gamma previsto per il mese di ottobre. Un prodotto in grado di riportare il marchio tra i migliori produttori del settore mobile – bada bene: non mi riferisco alla qualità dei dispositivi (innegabile in HTC), bensì alle unità vendute.

Un One M9 “inadeguato”: secondo il Taipei Times la società di Taiwan ha registrato il suo peggiore periodo fiscale di aprile negli ultimi sei anni a causa delle “ deludenti vendite del HTC One M9 ”. Questa situazione commerciale avrebbe condotto a un calo dei profitti pari al 32,36% rispetto a marzo 2015 e del 38,66% rispetto ad aprile 2014. L’azienda ha comunque alcune frecce al suo arco, che prendono il nome di One M9 + e One E9 +, le cui vendite potrebbero salire lievemente tra agosto e settembre e “limitare i danni” derivati dalle vendite negative di One M9.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.