Beverly Hills Cop: il figlio di Axel Foley è…

Brandon T. Jackson in Beverly Hills Cop

Brandon T. Jackson in Beverly Hills Cop

Beverly Hills Cop, la nuova serie tv reboot dell’omonima saga cinematografica degli anni ‘80, ha ultimato il casting. Eddie Murphy ha trovato suo figlio. Il discendente di Axel Foley sarà il comico Brandon T. Jackson che vestirà i panni del giovane Aaron, un agente di polizia che si occupa di mettere in gabbia i criminali di Beverly Hills, tentando anche di sfuggire all’ombra del padre capo della polizia di Detroit.

Il progetto è in fase di sviluppo per la CBS e Shawn Ryan, ideatore di The Shield e produttore esecutivo di Last Resort, si sta occupando della sceneggiatura del pilot e della produzione esecutiva insieme a Eddie Murphy.

Secondo deadline, sarebbe stato proprio lo stesso attore ad aver suggerito il nome di Brandon T. Jackson per l’adattamento televisivo di Beverly Hills Cop. Jackson è noto soprattutto nel mondo del cinema per8 Mile, Fast & Furious: Solo parti originali, Ultimatum alla Terra, e Big Mama: Tale padre tale figlio.

Nella nuova serie comunque è molto probabile che vedremo anche Eddie Murphy come guest star ricorrente. Ma voi, lo sapevate che Axel Foley in realtà doveva essere Mickey Rourke? Aveva già firmato il contratto da 400.000 dollari, ma i tempi della sceneggiatura si allungarono, e l’attore si impegnò per un altro film.

Ed ecco, allora, che la parte venne proposta a…. Sylvester Stallone!! A lui però non piaceva la sceneggiatura perché mancava di azione e cominciò a riscriverla. Così, i produttori, che rischiavano di far allungare ancora i tempi di realizzazione, e, quindi anche di veder aumentare troppo i costi, non trovarono un accordo  con l’attore e a sei settimane dall’inizio delle riprese, erano ancora senza protagonista.

Finalmente arrivò il turno di Eddie Murphy che venne ingaggiato a sole due settimane dal primo ciak e divenne il nostro Axel Foley definitivo!

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.