Arrivano i semafori in Google Maps, anche se al momento in beta

Siamo lieti di annunciarvi l'arrivo dei semafori in Google Maps, anche se ancora in beta

Google Maps ha iniziato a ricevere una tra le funzioni più attese di tutte, vale a dire i semafori. C’è voluto un po’ prima che la community potesse usufruirne (i semafori sono stati inclusi su Apple Maps a partire da iOS 13, e dunque da ormai quasi un anno), ma l’attesa pare essere finalmente finita. Alcuni utenti del programma beta hanno cominciato a notare la differenza, scorgendo piccole icone raffiguranti i semafori a ridosso degli incroci.

L’ottimizzazione dell’interfaccia è ancora scarsa (del resto siamo in beta): la funzione sarà messa a disposizione ufficialmente solo fra qualche tempo (questo è bene precisarlo). In ogni caso, la fase di test ha preso il via, anche se per quanto riguarda un numero ristretto di utenti. Per adesso l’unica interazione visibile interessa l’avvicinamento ai semafori, che implicherebbe un certo ingrandimento dell’icona all’interno dell’interfaccia. Le opzioni mancanti sono ancora tante, come la notifica degli ingorghi ed il calcolo di un percorso che includa il minor numero di semafori, ma immaginiamo queste siano tutte cose di cui il colosso di Mountain View stia tenendo conto, e che verranno di sicuro incluse nella versione finale. Allo stesso modo, Big G dovrà far sì che questo genere di informazioni risultino immediatamente visibili agli utenti.

In ogni caso, apprezziamo la buona volontà dimostrata dall’azienda californiana nel fornire Google Maps dei semafori (sebbene la funzione sia ancora molto grezza), presenti nell’iterazione versione 10.44.3 dell’applicazione (fruibile, ve lo ricordiamo un’altra volta, solo per una cerchia ristretta di utenti, tra cui potreste anche non essere stati inseriti). Voi personalmente vi ritenete soddisfatti della buona volontà dimostrata dal colosso di Mountain View nell’arricchimento di Google Maps (comunque in attesa di perfezionamenti postumi)? Fatecelo sapere lasciando un commento all’articolo attraverso il box qui sotto.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.