Vicino all’addio Google Play Music: come trasferire librerie su YouTube Music

Google Play Music si appresta al pensionamento: come trasferire le librerie personali su YouTube Music

2
CONDIVISIONI

Dirà addio per la fine dell’anno il servizio di streaming musicale Google Play Music (la notizia è ormai ufficiale, essendo comparsa anche sul blog di YouTube), di cui tuttavia si potranno trasferire le librerie personali su YouTube Music. La piattaforma, che ricordiamo essere sia gratuita con pubblicità che a pagamento, cederà il passo alla sua naturale evoluzione. Il trasferimento delle librerie personali potrà avvenire attraverso un pratico tool, grazie al quale sarà possibile effettuare il passaggio di brani, album, playlist (personali e sottoscritte) e stazioni. Allo stesso modo saranno conservati i like ed i dislike sulle tracce musicali che ci piacciono e non ci piacciono.

Chi usufruire al momento di un account Google Play Music a pagamento verrà automaticamente dirottato ad un abbonamento a YouTube Music Premium. Chi vorrà effettuare il trasferimento delle librerie dovrà visitare questa pagina, e questa per quanti intendono trasferire anche i podcast. Gli utenti italiani, al momento, possono già procedere per i podcast, ma non ancora per le librerie (sarà questione di poco tempo, non statevi a preoccupare). Il colosso di Mountain View si preoccuperà di inviare a tutti gli interessati un’apposita notifica non appena il servizio di trasferimento dei dati da Google Play Music a YouTube Music sarà perfettamente funzionante, in ogni sua declinazione.

Come tutte le cose, anche la storia di questo particolare servizio di streaming musicale sta per volgere al termine. Il passaggio al nuovo YouTube Music dovrebbe rendere tutto meno doloroso: in fondo è solo questione di abitudine, gli utenti, anche quelli più affezionati, capiranno prima o poi (in ogni caso dovranno farsene una ragione). Voi personalmente avreste preferito che Google Play Music continuasse ad esistere, oppure vi cambia poco? Fatecelo sapere lasciando un commento all’articolo attraverso il box qui sotto.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.