Andrà Tutto Bene #iorestoacasa, il nuovo singolo di Davide De Marinis con 70 amici a sostegno dell’ospedale di Formia (LT)

Le donazioni saranno devolute al progetto AIRVO 2 del Distretto Aurunco per l’acquisto di un respiratore pediatrico da donare al reparto di pediatria e neonatologia dell’Ospedale Dono Svizzero di Formia (LT)

Andrà Tutto Bene #iorestoacasa è il nuovo brano di Davide De Marinis, sostenuto da “Gli amici di Davide”, 70 in tutto.

La canzone è nata in tre giorni nella sua mansarda dall’esigenza di mettere in musica le sensazioni dei primi giorni di quarantena da Covid-19.

Andrà Tutto Bene #iorestoacasa è uno sfogo che ha preso vita in tre giorni. Nel primo ha preso forma il testo: “Io resto a casa, restaci anche tu”. Nel secondo giorno è nata la strofa che ha raccontato le azioni che si fanno a casa quando non è possibile uscire: “Utilizzo il mio tempo per scrivere nuove canzoni, per leggere, dipingere, sognare e… pensare a te; e utilizzo il mio corpo per fare, disfare e poi ridere, condividere al telefono, poi chiamami, magari amami…”. 

Il terzo giorno è nato il ritornello della canzone con la speranza che tutto si risolva per il meglio: “E andrà bene, andrà tutto bene, che tutto passa, se stiamo insieme …e non vedo l’ora di riabbracciarti ancora”.

La cosa più bella è che alla fine di questo tempo riacquisteremo la possibilità di riabbracciarci senza aver paura l’uno dell’altro”, racconta Davide De Marinis che nel nuovo progetto è stato sostenuto da 70 amici.

E’ una situazione completamente nuova, quasi surreale. L’idea di non poter uscire è un limite, ma quando esci e stai per incrociare una persona ti allontani per paura e diffidenza. E’ una situazione che non avrei mai voluto vivere. Confido in questa quarantena obbligata affinché tutto si possa risolvere nel più breve tempo possibile. Tutto andrà bene!”, continua Davide De Marinis. “Questa esperienza ci insegnerà a lavarci le mani più spesso e poi, a parte tutto, porterà più amicizia e amore disponibilità verso il prossimo”, conclude.

Andrà Tutto Bene #iorestoacasa sostiene l’ospedale di Formia (Latina), regione Lazio. Le donazioni saranno devolute al progetto AIRVO 2 del Distretto Aurunco per l’acquisto di un respiratore pediatrico da donare al reparto di pediatria e neonatologia dell’Ospedale Dono Svizzero di Formia (LT). Il progetto nasce in sinergia con l’Associazione nazionale Teniamoci per Mano Onlus, che si occupa di clownterapia in oltre 50 strutture sanitarie in tutta Italia, con il Patrocinio e sostegno della Nazionale Italiana Cantanti attraverso La Partita del Cuore Umanità Senza Confini Onlus.

Oltre alla vendita in digitale del brano e allo streaming è possibile effettuare donazioni libere attraverso un bonifico.
Iban: IT30Y0538701609000035058797 (Biper Banca)
Intestato a: Partita del Cuore
Causale: Ospedale Formia Andrà tutto bene

I 70 amici coinvolti nel progetto:

Luca Abete, Andrea Agresti, Francesca Alotta, Francesco Altobelli, Valeria Altobelli, Audio 2, Marcello Cirillo, Gabriele Cirilli, Cugini di Campagna, Dino, Chicco Fabbri, Sara Facciolini, Marco Ferradini, Roberto Ferrari, Attilio Fontana, Laura Freddi, Giovanna, Eva Grimaldi, Jalisse, Claudio Lauretta, Le Dolce Vita, Matthew Lee, Little Tony Family, Paolo Mengoli, Antonio Mezzancella, Jessica Morlacchi, Neja, Francesco Pannofino, Agostino Penna, David Pratelli, Tiziana Rivale, Ross di Gigi e Ross, Lidia Schillaci, Abba The Best, Rosario Albanese, Isabella Alfano, Rossella Ambrosini, Turchese Baracchi, Davide Bellafronte, Angelo Carestia, Claudia Conte, Gisella Cozzo, Ilenia De Sena, Irma Di Benedetto, Dj Panico, Gianni Drudi, Marta Charlotte Ferradini, Gama, Giuseppe Gambi, Alessandro Gubbini, l’associazione di Clownterapia “Teniamoci per mano Onlus”, Lara La Zia, Roxana Lefter, Le Ninfe della Tammorra, Mago Heldin, Sophie Magrini, Fabio Mosello, Operapop, Kika Pavesi, Antonella Salvucci, Giorgina Sparkling, Viktoria Subaeva, Ginny Vee, Danny Virgilio, Vittorio Il Fenomeno, Mirko Zullo. 

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.